Secondo quanto riscontrato da un'analisi dei dati ricavati da un recente studio di Fase III, nei pazienti sottoposti ad intervento chirurgico di asportazione di un tumore stromale gastrointestinale (GIST) ad alto rischio, una successiva terapia adiuvante con il farmaco imatinib è in grado di ottenere migliori tassi di sopravvivenza libera da recidiva (RFS) e di sopravvivenza globale (OS) se portata avanti per un periodo di 3 anni piuttosto che per soli 12 mesi.

I risultati dettagliati dell'indagine sono stati pubblicati sul Journal of Clinical Oncology.


Clicca qui per leggere la notizia completa.

 Sportello legale OMaR

Malattie rare e coronavirus - L'esperto risponde

BufalaVirus: le false notizie su COVID-19

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Seguici sui Social

Invalidità civile e Legge 104, tutti i diritti dei malati rari

Invalidità civile e Legge 104, tutti i diritti dei malati rari

Guida alle esenzioni per le malattie rare

Malattie rare - Guida alle nuove esenzioni

Partner Scientifici



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni