SVIZZERA – Roche ha annunciato che la Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti ha accolto la domanda di approvazione (BLA, Biologics License Application) per atezolizumab, una nuova immunoterapia in via di sperimentazione per il trattamento dei pazienti affetti da un tumore al polmone non a piccole cellule (NSCLC) che sia in fase localmente avanzata o metastatica e risulti positivo alla proteina PD-L1 (ligando di morte programmata 1). Dato che la FDA ha anche accettato di concedere la revisione prioritaria per il farmaco, valuterà la sua approvazione tramite processo accelerato.

Atezolizumab, noto anche come MPDL3280A, è un anticorpo monoclonale progettato per inibire la proteina PD-L1 e stimolare una reazione antitumorale del sistema immunitario. Nel corso di diversi studi clinici, tra cui la sperimentazione di Fase II denominata BIRCH, atezolizumab ha dimostrato positivi risultati di sicurezza ed efficacia in individui con NSCLC.

La decisione della FDA in merito all'approvazione del farmaco dovrebbe arrivare entro il 19 ottobre di quest'anno. In caso di parere positivo, atezolizumab sarà impiegato per il trattamento di pazienti che sono affetti da NSCLC in progressione durante o dopo un precedente regime di chemioterapia comprensivo di platino.

Per ulteriori informazioni è possibile consultare il comunicato stampa aziendale.

Sportello legale

Malattie rare e coronavirus - L'esperto risponde

BufalaVirus: le false notizie su COVID-19

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Seguici sui Social

Il valore della cura e dell’assistenza nell’emofilia

Il valore della cura e dell'assistenza nell'emofilia

Sulle proprie gambe: racconti di XLH e rachitismo ipofosfatemico

Sulle proprie gambe: racconti di XLH e rachitismo ipofosfatemico

Partner Scientifici



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni