Ultimi Tweets

OssMalattieRare
OssMalattieRare Persone non solo Pazienti, una piattaforma di dialogo promossa da Fondazione Roche insieme a 16 Associazioni Pazienti afferenti a diverse patologie a forte impatto sociale. 26 Settembre, Roma bit.ly/2pyye0P pic.twitter.com/BcBQejaqOS
About 1 hour ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare Lo studio internazionale coordinato dal Policlinico Gemelli IRCCS @Unicatt #Fibrosipolmonareidiopatica bit.ly/2O4gI2r pic.twitter.com/oJj4HstV16
About 1 hour ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare SMA: un libro bianco svela il dietro le quinte della rivoluzione in atto. 26 Settembre 2018, Milano. bit.ly/2oX3fez
About 6 hours ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare XXII Congresso Nazionale SIMRI (Società Italiana per le Malattie Respiratorie Infantili) @pediatria_simri 27-29 Settembre 2018, Pisa bit.ly/2MFmx1p pic.twitter.com/Ds3MBJdNhH
About 19 hours ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare #Duchenne : nel 2019, verrà richiesto un ulteriore parere scientifico sul possibile percorso da seguire per mettere il farmaco a disposizione dei pazienti in Europa, così come avviene negli Stati Uniti. bit.ly/2QV8us6 pic.twitter.com/XroCj4eDrq
About 20 hours ago.

Il talidomide può essere un valido trattamento palliativo per i pazienti con glioblastoma multiforme. Un gruppo di oncologi austriaci ha valutato retrospettivamente la prognosi dei pazienti con glioblastoma secondario trattati con talidomide nel loro centro presso la Medical University di Vienna, e ha pubblicato i risultati sulla rivista Oncology.

Per le sue numerose proprietà, fra cui la sedazione, il talidomide è stato usato come 'ultima opzione terapeutica' in pazienti con gliomi avanzati. I medici hanno notato che un piccolo sottogruppo, ovvero i pazienti con glioblastoma secondario (glioblastoma multiforme evoluto nell’arco di diversi mesi o anni a partire da un glioma meno maligno), è sopravvissuto per periodi prolungati.

A partire dal 2000 il gruppo di oncologi ha studiato 23 pazienti (13 femmine e 10 maschi, con un’età media di 31,5 anni) con glioblastoma secondario che hanno ricevuto cure palliative con 100 mg di talidomide prima di dormire. Tutti i pazienti erano stati precedentemente sottoposti a radioterapia e avevano ricevuto almeno uno e fino a cinque cicli di chemioterapia.

La durata media della somministrazione di talidomide è stata di 4,0 mesi (range 0,8-32). La durata media della sopravvivenza globale dopo l’inizio della terapia con talidomide è stata di 18,3 mesi (range 0,8-57), e undici pazienti con glioblastoma secondario sono sopravvissuti per più di un anno. Il miglioramento sintomatico più importante è stato registrato nel ripristino di un ciclo di sonno normale. Gli effetti palliativi del talidomide, soprattutto la normalizzazione del ciclo del sonno, sono stati molto apprezzati dai pazienti e dalle famiglie.

Articoli correlati



GUIDA alle ESENZIONI per le MALATTIE RARE

Malattie rare, GUIDA alle esenzioni

Con l'entrata in vigore dei nuovi LEA (15 settembre 2017) è stato aggiornato l’elenco delle malattie rare esentabili.

OMaR (Osservatorio Malattie Rare), in collaborazione con Orphanet-Italia, ha realizzato una vera e propria Guida alle nuove esenzioni, con l'elenco ragionato dei nuovi codici, la lista completa di tutte le patologie esenti, le indicazioni su come ottenere l’esenzione e molto altro.

Clicca QUI per scaricare gratuitamente la Guida.

 


News



© Osservatorio Malattie Rare 2015 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Testata giornalistica iscritta al ROC, n.20188, ai sensi dell'art.16 L.62/2001 | Testata registrata presso il Tribunale di Roma - 296/2011 - 4 Ottobre
Direttore Responsabile: Ilaria Ciancaleoni Bartoli - Via Varese, 46 - 00185 Roma | P.iva 02991370541


Website by Digitest | Hosting ServerPlan



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni