Ultimi Tweets

OssMalattieRare
OssMalattieRare Persone non solo Pazienti, una piattaforma di dialogo promossa da Fondazione Roche insieme a 16 Associazioni Pazienti afferenti a diverse patologie a forte impatto sociale. 26 Settembre, Roma bit.ly/2pyye0P pic.twitter.com/BcBQejaqOS
About 1 hour ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare Lo studio internazionale coordinato dal Policlinico Gemelli IRCCS @Unicatt #Fibrosipolmonareidiopatica bit.ly/2O4gI2r pic.twitter.com/oJj4HstV16
About 1 hour ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare SMA: un libro bianco svela il dietro le quinte della rivoluzione in atto. 26 Settembre 2018, Milano. bit.ly/2oX3fez
About 6 hours ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare XXII Congresso Nazionale SIMRI (Società Italiana per le Malattie Respiratorie Infantili) @pediatria_simri 27-29 Settembre 2018, Pisa bit.ly/2MFmx1p pic.twitter.com/Ds3MBJdNhH
About 19 hours ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare #Duchenne : nel 2019, verrà richiesto un ulteriore parere scientifico sul possibile percorso da seguire per mettere il farmaco a disposizione dei pazienti in Europa, così come avviene negli Stati Uniti. bit.ly/2QV8us6 pic.twitter.com/XroCj4eDrq
About 20 hours ago.

Tra gli accessori che hanno cambiato il nostro stile di vita, i cellulari – ed ora gli smartphone – si collocano indubitabilmente ai primi posti ma il dubbio che da più di quindici anni continua a riproporsi è se essi abbiano apportato solo benefici in termini di qualità di vita o se non costituiscano anche un rischio per la nostra salute.
Alla domanda se i cellulari facciano o meno male ha provato a rispondere qualche anno fa l’Agenzia Nazionale per la Ricerca sul Cancro (IARC), riunendo a Lione un gruppo di scienziati ed esperti di radiazioni elettromagnetiche provenienti da 14 paesi.

 

Attraverso la revisione e la valutazione dei maggiori studi sull’argomento, gli esperti hanno cercato di capire che tipo di legame esista tra l’esposizione ai campi elettromagnetici a radiofrequenza e il rischio di insorgenza di tumori.

La conclusione del gruppo di lavoro classifica i campi elettromagnetici a radiofrequenza tra i possibili cancerogeni (gruppo 2B) per gli esseri umani, senza riuscire a dirimere una controversa e dibattuta questione che vede protagonisti i tumori del cervello, tra cui neuromi, meningiomi e gliomi come il Glioblastoma Multiforme.

Il Glioblastoma Multiforme è uno dei più comuni tumori del sistema nervoso centrale e rappresenta il tumore più aggressivo per l’uomo, dal momento che si sviluppa dagli astrociti, cresce rapidamente formando nuovi vasi ed è molto difficile sia da trattare che da asportare. Pur essendo caratterizzato da una bassa incidenza (1 individuo su 100.000/anno) il Glioblastoma Multiforme ha, nella quasi totalità dei casi, una prognosi infausta con tassi di sopravvivenza a 5 anni estremamente bassi (3% circa).

I glioblastomi possono essere classificati in due tipologie, a seconda che si sviluppino de novo (Glioblastomi primari) senza precedenti lesioni precancerose o che originino da astrocitomi di grado II (secondo WHO) o da astrocitomi anaplastici (Glioblastomi secondari). In entrambi i casi, i fattori di rischio includono l’impiego di tessuti sintetici presso industrie di manifattura, la produzione o raffinatura di petrolio e l’esposizione a cloruro di vinile o pesticidi e alle radiazioni ionizzanti.

L’esposizione ai campi elettromagnetici prodotti dai cellulari non ha ancora trovato una conferma definitiva ma una recente pubblicazione della rivista Rare Tumors permette di fare un passo avanti, riportando i risultati di uno studio nel quale è stata approfondita l’espressione di p53 nella zona centrale e nelle zone periferiche del glioblastoma multiforme in pazienti che utilizzino il cellulare per più di 3 ore al giorno.

La cancerogenesi del glioblastoma passa attraverso una serie di alternazioni genetiche che riguardano anche p53, uno dei principali fattori di trascrizione coinvolto in processi di crescita cellulare, riparazione del DNA e apoptosi; l’indagine delle mutazioni che colpiscano questa proteina potrebbe essere di grande aiuto per comprendere l’influenza dei cellulari sulla genesi di questi tumori.

La ricerca ha messo in luce che le mutazioni in grado di danneggiare le normali funzioni di p53 sono riscontrabili in 59 dei 63 (93.6%) pazienti arruolati; inoltre, in 41 (65%) pazienti che hanno segnalato un utilizzo del cellulare per periodi superiori alle 3 ore al giorno, è stato riscontrata un’associazione con l’aberrazione in p53 nella zona periferica del tumore e con una diminuzione della sopravvivenza.

Nonostante la casistica limitata dalla bassa sopravvivenza a questa patologia tumorale, le conclusioni di questo studio sottolineano il ruolo delle mutazioni di p53 nella progressione del tumore soprattutto per cancri che affliggono le zone periferiche del cervello, in relazione all’utilizzo prolungato del cellulare.



GUIDA alle ESENZIONI per le MALATTIE RARE

Malattie rare, GUIDA alle esenzioni

Con l'entrata in vigore dei nuovi LEA (15 settembre 2017) è stato aggiornato l’elenco delle malattie rare esentabili.

OMaR (Osservatorio Malattie Rare), in collaborazione con Orphanet-Italia, ha realizzato una vera e propria Guida alle nuove esenzioni, con l'elenco ragionato dei nuovi codici, la lista completa di tutte le patologie esenti, le indicazioni su come ottenere l’esenzione e molto altro.

Clicca QUI per scaricare gratuitamente la Guida.

 


News



© Osservatorio Malattie Rare 2015 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Testata giornalistica iscritta al ROC, n.20188, ai sensi dell'art.16 L.62/2001 | Testata registrata presso il Tribunale di Roma - 296/2011 - 4 Ottobre
Direttore Responsabile: Ilaria Ciancaleoni Bartoli - Via Varese, 46 - 00185 Roma | P.iva 02991370541


Website by Digitest | Hosting ServerPlan



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni