Ultimi Tweets

OssMalattieRare
OssMalattieRare "ERNs in action": da domani al via la 4° Conferenza sulle Reti di Riferimento Europee. Due le giornate d'incontro e oltre 400 i partecipanti, tra cui medici esperti, dirigenti ospedalieri, rappresentanti dei pazienti e delle Istituzioni europee. #ERNs bit.ly/2BlhkJA pic.twitter.com/rD0lKO0bNe
About 4 hours ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare Chi è affetto da #fenilchetonuria deve seguire, come terapia, un rigoroso regime alimentare, in passato abbandonato dai pazienti a causa del gusto poco gradevole degli alimenti. Per risolvere questo problema #APR ha introdotto una nuova tecnologia. #PKU bit.ly/2Kjrq0A pic.twitter.com/zSxl7WxqMH
About 6 hours ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare Una diagnosi tempestiva, è questa la richiesta che arriva dalle persone affette da #lipodistrofia . Guarda l’intervista a Valeria Corradin, vicepresidente dell’Associazione #AILIP bit.ly/2QbAslD pic.twitter.com/SWlA3M4y3O
About 9 hours ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare "Io non rischio", la campagna di sensibilizzazione per la prevenzione del #tumore del colon-retto. L'iniziativa si rivolge alla popolazione residente nella @RegioneLazio con età compresa tra i 50 e i 74 anni. @IREISGufficiale bit.ly/2ORDQNH pic.twitter.com/u6479AxlOG
1 day ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare Nella gestione di una malattia rara come la #lipodistrofia serve un buono scambio di informazioni tra specialisti perché i casi sono pochi e l’esperienza va condivisa. Guarda l'intervista al prof. Marco Cappa @bambinogesu bit.ly/2ToQ9ol pic.twitter.com/5N1pz5iliR
1 day ago.

Uno studio condotto sul modello animale suggerisce che il trattamento con desametasone possa compromettere la sopravvivenza dei pazienti

NEW YORK (U.S.A.) – Il glioblastoma è il tumore primario del cervello più comune e più aggressivo. Lo standard di cura consiste nella resezione chirurgica seguita da radioterapia e temozolomide, sia concomitante che come terapia di mantenimento. I corticosteroidi sono comunemente usati nel periodo perioperatorio per controllare l'edema cerebrale, e la loro assunzione prosegue frequentemente anche nel corso del successivo trattamento, in particolare la radioterapia, per migliorare gli effetti collaterali.

Restano però controversi gli effetti dei corticosteroidi come il desametasone sulla crescita cellulare in modelli di glioma e sulla sopravvivenza del paziente. Un team statunitense ed europeo ha effettuato un'analisi retrospettiva delle coorti di pazienti con glioblastoma, per determinare il ruolo prognostico della somministrazione di steroidi. Come riporta lo studio pubblicato sulla rivista Brain, un modello murino di malattia è stato utilizzato per caratterizzare gli effetti del desametasone sulla proliferazione delle cellule tumorali e sulla morte, e per identificare le firme dei geni associati a questi effetti.

Un anticorpo murino anti-VEGFA è stato utilizzato in parallelo come alternativa per il controllo dell'edema. La firma del gene indotta dal desametasone è stata associata ai dati del Cancer Genome Atlas relativi al glioblastoma, per esplorare l'associazione tra l'esito e l'esposizione al farmaco. Sono stati poi usati degli esperimenti murini per validare gli effetti del desametasone sulla sopravvivenza in vivo. Le analisi cliniche retrospettive hanno identificato l'impiego di corticosteroidi durante la radioterapia come un indicatore indipendente di sopravvivenza più breve in tre coorti di pazienti. Inoltre, una firma dell'espressione del gene associato al desametasone è stata correlata con una sopravvivenza più breve nel set di dati del Cancer Genome Atlas.

Nei topi affetti da glioma, il pretrattamento con desametasone ha diminuito la proliferazione delle cellule tumorali senza intaccarne la vitalità, e ha ridotto anche la sopravvivenza quando combinato con radioterapia. Al contrario, l'anticorpo anti-VEGFA ha diminuito la proliferazione e aumentato la morte delle cellule tumorali, ma non ha influenzato la sopravvivenza quando combinato con radioterapia. I dati clinici e quelli sperimentali sui topi suggeriscono che i corticosteroidi possano diminuire l'efficacia del trattamento e accorciare la sopravvivenza nel glioblastoma. Gli effetti anti-proliferativi indotti dal desametasone possono conferire protezione dallo stress genotossico indotto dalla radioterapia e dalla chemioterapia.

Questo studio mette in evidenza l'importanza di individuare agenti alternativi come gli antagonisti del fattore di crescita endoteliale vascolare per la gestione dell'edema nei pazienti con glioblastoma. Al di là dell'accertato profilo di eventi avversi di un prolungato impiego di corticosteroidi, questa analisi consiglia un uso prudente e limitato di questi farmaci nel glioblastoma.



GUIDA alle ESENZIONI per le MALATTIE RARE

Malattie rare, GUIDA alle esenzioni

Con l'entrata in vigore dei nuovi LEA (15 settembre 2017) è stato aggiornato l’elenco delle malattie rare esentabili.

OMaR (Osservatorio Malattie Rare), in collaborazione con Orphanet-Italia, ha realizzato una vera e propria Guida alle nuove esenzioni, con l'elenco ragionato dei nuovi codici, la lista completa di tutte le patologie esenti, le indicazioni su come ottenere l’esenzione e molto altro.

Clicca QUI per scaricare gratuitamente la Guida.

 


News



© Osservatorio Malattie Rare 2015 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Testata giornalistica iscritta al ROC, n.20188, ai sensi dell'art.16 L.62/2001 | Testata registrata presso il Tribunale di Roma - 296/2011 - 4 Ottobre
Direttore Responsabile: Ilaria Ciancaleoni Bartoli - Via Varese, 46 - 00185 Roma | P.iva 02991370541


Website by Digitest | Hosting ServerPlan



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni