Iscriviti alla Newsletter

Ultimi Tweets

OssMalattieRare
OssMalattieRare #Lipodistrofie : i pazienti aspettano anche 15 anni per la diagnosi. L’intervista alla dottor Giovanni Ceccarini, endocrinologo @Unipisa , in occasione del 40° Congresso Nazionale di Endocrinologia #SIE . @SIE_2013 #AILIP youtu.be/h6JgYR9VDAo
About 40 minutes ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare Correggere il genoma, produrre cellule modificate o tessuti ingegnerizzati: la ricerca italiana è protagonista della rivoluzione biomedica in atto. Domani a Roma, l'evento @TerapieAvanzate : At² - Advanced talks on Advanced therapies #At2Talks bit.ly/31HlBlX
About 20 hours ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare La #terapiagenica per la #betatalassemia si sta rivelando efficace nel lungo tempo. Lo confermano gli ultimi risultati clinici presentati da @bluebirdbio in occasione del 24° Congresso della @eha_hematology . #EHA24 #RareDisease bit.ly/2x2dx0T pic.twitter.com/ChlAOA0j9C
About 22 hours ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare Sono stati proclamati i vincitori del concorso “Insieme per la ricerca”, promosso da @Telethonitalia e @PearsonItalia , rivolto a tutte le scuole italiane di ogni grado e ordine. bit.ly/31Ee1Zg pic.twitter.com/2ewynZ4ouU
About 24 hours ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare Da oggi online il primo approfondimento OMaR dedicato ai diritti dei malati oncologici. #Tumorirari e #Invalidit%C3%A0Civile : quali diritti e quali prestazioni? bit.ly/31GImpX pic.twitter.com/JNp0bgY6Tr
1 day ago.

Tratto da The Idiopathic Pulmonary Fibrosis Clinical Research Network. A Controlled Trial of Sildenafil in Advanced Idiopathic Pulmonary Fibrosis. N Engl J Med 2010

Il New England Journal of Medicine  ha appena pubblicato la notizia: lo studio di fase tre relativo all’utilizzo di Sildenafil (della Revatio, gruppo Pfizer) nella fibrosi polmonare idiopatica ha dato risultati parzialmente positivi. Non è stato infatti centrato l'endpoint primario, rappresentato da un aumento della distanza percorsa a piedi in 6 minuti pari ad almeno il 20%, ma sono stati ottenuti miglioramenti negli outcome secondari, definiti dagli autori "senza dubbio importanti per i pazienti", anche alla luce dell'attuale assenza di altre opzioni terapeutiche disponibili. Attualmente infatti non esistono cure e la prognosi è infausta e non esistono farmaci specifici approvati né in Europa né negli Usa.

La malattia, che comporta una degenerazione fibrosa del parenchima polmonare con sindrome restrittiva, è una patologia rara anche se non ancora riconosciuta tra quelle esenti dal nostro sistema sanitario.
Sildenafil, un inibitore della 5-fosfodiesterasi (5PDE), è approvato da circa cinque anni per il trattamento dell'ipertensione arteriosa polmonare, compagna frequente della fibrosi polmonare idiopatica. La vasodilatazione indotta dal farmaco potrebbe migliorare la perfusione polmonare e quindi lo scambio gassoso nei pazienti affetti dalla malattia.
Basandosi su questi presupposti e sulle evidenze positive emerse da studi preliminari, gli autori hanno voluto verificare se il trattamento con il farmaco potesse migliorare la distanza percorsa a piedi, la qualità di vita e ridurre la dispnea con uno studio randomizzato, in doppio cieco e controllato con placebo su pazienti con fibrosi polmonare idiopatica avanzata, caratterizzata da una capacità di diffusione del monossido di carbonio inferiore al 35% del valore teorico.
Lo studio, chiamato STEP-IPF (Sildenafil Trial of Exercise Performance in Idiopathic Pulmonary Fibrosis) e opera dell'Idiopathic Pulmonary Fibrosis Clinical Research Network (IPFnet) del National Heart, Lung, and Blood Institute statunitense, ha coinvolto in totale 180 pazienti, trattati con sildenafil 20 mg tre volte al giorno o placebo per 12 settimane.
Alla fine del trial, i pazienti che hanno ottenuto un miglioramento pari ad almeno il 20% della distanza percorsa a piedi in 6 minuti sono stati più numerosi nel gruppo sildenafil (n = 89) rispetto al gruppo placebo (n = 91)  - 10% contro 7% - ma la differenza non è risultata statisticamente significativa. Si sono però osservate differenze, piccole ma in questo caso significative, nella capacità di diffusione del monossido di carbonio, nel grado di dispnea e nella qualità della vita, a favore di sildenafil. La tollerabilità del trattamento è stata simile nei due gruppi.
Anche se nel trial non si è raggiunto l'obiettivo principale, gli autori scrivono nelle conclusioni che i dati ottenuti creano i presupposti per fare ulteriori studi sull'impiego di sildenafil nei soggetti con fibrosi polmonare idiopatica avanzata.


Articoli correlati



GUIDA alle ESENZIONI per le MALATTIE RARE (2019)

Malattie rare, GUIDA alle esenzioni

Con l'entrata in vigore dei nuovi LEA (15 settembre 2017) è stato aggiornato l’elenco delle malattie rare esenti.

OMaR (Osservatorio Malattie Rare), in collaborazione con Orphanet-Italia, ha realizzato una vera e propria Guida alle nuove esenzioni, ora aggiornata al 2019, con l'elenco ragionato dei nuovi codici, la lista completa di tutte le patologie esenti, le indicazioni su come ottenere l’esenzione e molto altro.

Clicca QUI per scaricare gratuitamente la Guida (aggiornata ad aprile 2019).

 


News



© Osservatorio Malattie Rare 2015 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Testata giornalistica iscritta al ROC, n.20188, ai sensi dell'art.16 L.62/2001 | Testata registrata presso il Tribunale di Roma - 296/2011 - 4 Ottobre
Direttore Responsabile: Ilaria Ciancaleoni Bartoli - Via Varese, 46 - 00185 Roma | P.iva 02991370541


Website by Digitest | Hosting ServerPlan



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni