Iscriviti alla Newsletter

Ultimi Tweets

OssMalattieRare
OssMalattieRare Lavorare è un diritto per ogni donna e ogni uomo, anche per chi è malato. Workability e qualità della vita nelle #MalattieReumatologiche infiammatorie, lo Study Forum di @ANMAR in collaborazione con @ISHEOconsulting bit.ly/2Phwbu5 pic.twitter.com/KTeyngsGmv
About 18 hours ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare "Spesso viene confusa con l’anoressia perché si ha un forte dimagrimento. Servono più dottori che siano capaci di individuare la malattia." Consuelo è membro fondatore e consigliere di #AILIP Associazione Italiana #Lipodistrofie . L'intervista youtu.be/BbBWJ7yzp-8
1 day ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare Un caso clinico difficile da interpretare quello di una donna di 57 anni affetta da #iperossaluria primitiva. L’avviso degli esperti: se si sospetta la patologia, è opportuno condurre i test genetici anche se i livelli di ossalato sono normali. bit.ly/2UOF5W8 pic.twitter.com/Fw74KKtj08
1 day ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare Il corpo di Chiara ci racconta come l'arte possa e debba essere accessibile. La sua storia è quella di una performer che ha saputo andare oltre i limiti dell' #OsteogenesiImperfetta . #ComeasyouRare @bersanichiara bit.ly/2U8TcA1
10 days ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare Lisa Licitra è il nuovo direttore scientifico di @Fond_CNAO , unico centro italiano e uno dei sei nel mondo in grado di effettuare l’ #adroterapia sia con protoni che con ioni carbonio per il trattamenti dei #tumori . bit.ly/2I8cdBq
11 days ago.

La sclerosi tuberosa (TSC) è una malattia rara, con un’incidenza di circa 1 su 6.000-7.000 nati, causata da un’alterazione genetica che porta a una proliferazione incontrollata delle cellule ectodermiche ed esodermiche. Ciò si traduce, a livello del sistema nervoso centrale, in crisi epilettiche che si presentano nell’80-90% dei pazienti affetti da questa patologia, tipicamente già durante i primi anni di vita. Inoltre, circa il 60% di questi pazienti manifesta crisi refrattarie (ossia farmaco-resistenti).

Visto il profondo impatto di questo specifico sintomo sulla qualità della vita dei pazienti, negli ultimi anni sono stati condotti diversi studi per identificare una terapia farmacologica efficace e sicura, in appoggio ai farmaci antiepilettici più tradizionali. In quest’ottica, l’everolimus è sicuramente uno dei trattamenti più studiati: il principio attivo del farmaco va infatti ad agire su una protein-chinasi, la mTOR (mammalian Target Of Rapamycin), la cui alterata attività, osservata nei pazienti affetti da TSC, è alla base dell’incontrollata proliferazione cellulare che caratterizza la patologia.

In una sperimentazione clinica del 2016, denominata EXIST-3, era già stato dimostrato come tale farmaco, nei pazienti affetti da TSC, possa portare a una riduzione significativa della frequenza di crisi epilettiche quando assunto in combinazione ad altri antiepilettici. È invece recente la pubblicazione, sulla rivista Neurology: Clinical Practice, dei risultati della fase di estensione di questo studio, ossia della valutazione dell’efficacia e della sicurezza del farmaco a lungo termine. La ricerca ha coinvolto i pazienti che erano già stati arruolati nello studio EXIST-3, e che si sono resi disponibili a continuare la sperimentazione per un periodo di almeno 48 settimane e fino a un massimo di 2 anni.

I risultati di efficacia sono quantomeno incoraggianti: più del 60% dei pazienti che assumevano everolimus in appoggio ad altre terapie antiepilettiche era responsivo al trattamento (mostrava cioè una riduzione della frequenza delle crisi) dopo quasi 2 anni di terapia. E tale riduzione non era di poco conto: le crisi sono diminuite sia nei pazienti che hanno assunto everolimus a dosi più basse (concentrazioni nel sangue di 3-7 ng/mL) sia in quelli sottoposti a dosaggi maggiori (9-15 ng/mL), rispettivamente del 59,6% e del 56,3%.

Anche per quanto riguarda la sicurezza, i risultati recentemente pubblicati non si discostano da quanto osservato nei precedenti clinici su everolimus: non è stato rilevato, infatti, alcun nuovo evento avverso correlato all’assunzione prolungata del farmaco.

Per maggiori dettagli clicca qui.

Articoli correlati



GUIDA alle ESENZIONI per le MALATTIE RARE (2019)

Malattie rare, GUIDA alle esenzioni

Con l'entrata in vigore dei nuovi LEA (15 settembre 2017) è stato aggiornato l’elenco delle malattie rare esenti.

OMaR (Osservatorio Malattie Rare), in collaborazione con Orphanet-Italia, ha realizzato una vera e propria Guida alle nuove esenzioni, ora aggiornata al 2019, con l'elenco ragionato dei nuovi codici, la lista completa di tutte le patologie esenti, le indicazioni su come ottenere l’esenzione e molto altro.

Clicca QUI per scaricare gratuitamente la Guida (aggiornata ad aprile 2019).

 


News



© Osservatorio Malattie Rare 2015 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Testata giornalistica iscritta al ROC, n.20188, ai sensi dell'art.16 L.62/2001 | Testata registrata presso il Tribunale di Roma - 296/2011 - 4 Ottobre
Direttore Responsabile: Ilaria Ciancaleoni Bartoli - Via Varese, 46 - 00185 Roma | P.iva 02991370541


Website by Digitest | Hosting ServerPlan



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni