Preg.mi Dottori, io e mia madre (26 anni e 50 anni) siamo portatrici della mutazione del Fattore V di Leiden in forma eterozigote. Fermo restando le comuni precauzioni da seguire, volevo chiederVi se ci possano essere conseguenze negative nel malaugurato caso di contrazione del Covid-19 in termini di sintomatologia e/o cura. Siamo soggetti a maggiori rischi? Mia madre, inoltre, nel 2017 era già stata colpita da ischemia, dalla quale, seppure si è ripresa, porta ancora con sé qualche problema nell'uso della parola. Vi ringrazio per l'attenzione e l'aiuto prezioso. Chiara

RISPONDE la Prof.ssa Maria Domenica Cappellini, Direttore dell'Unità di Medicina Generale e del Centro Malattie Rare presso la Fondazione Ca' Granda Policlinico di Milano.

Gentilissima Signora, non c'è alcuna evidenza che essere portatrice di mutazione di un fattore della coagulazione favorisca o peggiori l'infezione da COVID19. Le norme da seguire sono quelle imposte per la popolazione generale. Cordiali saluti.

Compila il modulo sottostante per un parere dell'Esperto

Compila il modulo sottostante per un parere dell'Esperto

Per l'invio del Modulo è necessario prendere visione dell'Informativa e delle Avvertenze di rischio.

I campi segnati con asterisco (*) sono obbligatori
captcha
Ricarica

Seguici sui Social

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Sportello Legale OMaR

Tutti i diritti dei talassemici

Le nostre pubblicazioni

Malattie rare e sibling

30 giorni sanità

Speciale Testo Unico Malattie Rare

Guida alle esenzioni per le malattie rare

Con il contributo non condizionante di

Partner Scientifici

Media Partner


Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni