Ho letto che la COVID-19 può provocare coagulopatia. Mio figlio affetto da emofilia A grave è considerato soggetto a rischio? Devo chiedere la didattica a distanza?

Risponde il Dott. Matteo Nicola Dario Di Minno, del Dipartimento di Scienze Mediche Traslazionali dell’Università “Federico II” di Napoli.

Buongiorno Patrizia. La COVID-19 può associarsi ad uno stato pro-trombotico. In realtà, sebbene manchino dei dati definitivi a supporto, l’emofilia determina un deficit della coagulazione. Questo ci porta a pensare ad un rischio ridotto di complicanze trombotiche negli emofilici. D’altro canto, bisogna anche considerare che alcune terapie spesso utilizzate nei pazienti con COVID-19 dovrebbero essere utilizzate con estrema cautela nei pazienti emofilici. È importante, infine, considerare che la presenza di emofilia non modifica assolutamente la possibilità di contrarre il virus e di sviluppare le manifestazioni respiratorie che lo caratterizzano.

Per saperne di più visita la sezione EMOFILIA

 

Compila il modulo sottostante per un parere dell'Esperto

Compila il modulo sottostante per un parere dell'Esperto

Per l'invio del Modulo è necessario prendere visione dell'Informativa e delle Avvertenze di rischio.

I campi segnati con asterisco (*) sono obbligatori
captcha
Ricarica

 Sportello legale OMaR

Malattie rare e coronavirus - L'esperto risponde

Speciale Vaccino Covid-19

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Seguici sui Social

Invalidità civile e Legge 104, tutti i diritti dei malati rari

Invalidità civile e Legge 104, tutti i diritti dei malati rari

Guida alle esenzioni per le malattie rare

Malattie rare - Guida alle nuove esenzioni

Partner Scientifici



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni