Dopo 10 anni di ricerche per diarrea continua dolori addominali ricorrenti, orticaria e gonfiori improvviso di glottide e occhi si è giunti al sospetto di angioedema ereditario. Il complemento c1q è pari a 7.23, cosa fare per avere certezza della malattia o per escluderla? Si precisa che i sintomi persistono anche con cura di antistaminici come zirtec e kerastine lio. Grazie,

Angela

RISPONDE la Dott.ssa Maria Bova, del Centro di Riferimento Campano per la Diagnosi e la Terapia dell'Angioedema Ereditario presso l'Università degli Studi di Napoli "Federico II".

Gentile signora Angela, se il suo medico le ha prospettato la possibilità che lei possa essere affetta da angioedema ereditario le consiglio di rivolgersi ad un centro specializzato (la lista è sul sito della associazione dei pazienti).  I centri sono distribuiti più o meno in tutte le regioni italiane. Quindi può rivolgersi a quello più vicino alla sua casa. Le indicheranno le indagini da effettuare per arrivare ad una diagnosi di certezza.  Se fosse confermata la diagnosi le verrà anche chiesto di portare i suoi parenti prossimi per fare uno screening di tutta la famiglia.

Maria Bova

Per saperne di PIU' VAI ALLA SEZIONE ANGIOEDEMA EREDITARIO.

Compila il modulo sottostante per un parere dell'Esperto

Compila il modulo sottostante per un parere dell'Esperto

Prima di compilare la vostra richiesta è necessario prendere visione dell'Informativa sulla Privacy.
captcha
Ricarica
I dati inseriti in questo modulo sono utilizzati esclusivamente per fornirvi le informazioni richieste.
Questi dati non vengono in nessun modo trasmessi a terzi o impiegati per altri scopi.
Maggiori informazioni sulla nostra Privacy Policy le potete trovare in in questa pagina.

Sportello legale

Malattie rare e coronavirus - L'esperto risponde

BufalaVirus: le false notizie su COVID-19

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Seguici sui Social

Il valore della cura e dell’assistenza nell’emofilia

Il valore della cura e dell'assistenza nell'emofilia

Sulle proprie gambe: racconti di XLH e rachitismo ipofosfatemico

Sulle proprie gambe: racconti di XLH e rachitismo ipofosfatemico

Partner Scientifici



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni