Ultimi Tweets

OssMalattieRare
OssMalattieRare Questa #terapiagenica sperimentale potrebbe avere un impatto significativo per i bambini affetti da #SMA1 , la forma più grave di atrofia muscolare spinale. Entro maggio del 2019 la decisione della @US_FDA sulla sua commercializzazione. bit.ly/2RUns1v pic.twitter.com/mRSCc589Qz
About 14 hours ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare Quando l’esordio della malattia è alla nascita, lo #screeningneonatale è utile per iniziare subito una terapia. Questo problema può essere però identificato anche in fase prenatale. #deficitdicblC www.osservatorioscreening.it/acidemia-metilmalonica-con-omocisitinuria-con-lo-screening-possibile-la-presa-in-carico-immediata/
About 15 hours ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare La mente può rifiutare le informazioni se queste sono 'non volute'. In occasione del Festival delle scienze sociali 2018 @ESRC , l'argomento delle #fakenews è stato affrontato da un punto di vista originale: quello psicosociale e neuroscientifico. bit.ly/2SGJk0b pic.twitter.com/HShe71PgOX
About 17 hours ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare#RareLives . Il significato di vivere con una malattia rara” un viaggio fotografico che racconta le gioie e le conquiste quotidiane di chi vive la rarità. Dicembre Monza bit.ly/2QM3Nna pic.twitter.com/CMaKL9ZpDx
About 18 hours ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare #Talassemia : con la #celocentesi una diagnosi prenatale molto precoce. L'informazione è determinante per una scelta libera e consapevole: la testimonianza di Salvo e Delia. @CutinoOnlus youtu.be/wBEszpR75jo
About 20 hours ago.

Il trattamento sperimentale ha portato a una riduzione significativa sia nei sanguinamenti che nelle infusioni di Fattore VIII

Philadelphia (U.S.A.) – Prosegue lo studio clinico di Fase I/II sulla terapia genica sperimentale SPK-8011 nell'emofilia A. I dati preliminari aggiornati sui primi 12 partecipanti al trial sono stati presentati in occasione del 60° Congresso annuale dell'American Society of Hematology (ASH) dal Principal Investigator dello studio, la dott.ssa Lindsey A. George, della Divisione di Ematologia del Children's Hospital di Philadelphia.

I 12 partecipanti allo studio di Fase I/II hanno ricevuto una singola somministrazione del farmaco sperimentale SPK-8011, di cui due alla dose di 5X10¹¹ genomi vettoriali (vg) per kg di peso corporeo, tre alla dose di 1X10¹² vg/kg e sette alla dose di 2X10¹² vg/kg. Alla data del 2 novembre 2018, non è stata osservata la comparsa di inibitori, di eventi trombotici o di aumento delle transaminasi persistente o non risolto, in un follow-up di dati cumulativo di 9,7 anni.

Per tutti e tre i dosaggi, a partire dalle quattro settimane successive all'infusione dei vettori, si è verificata una riduzione del 94% delle emorragie e del 95% delle infusioni di Fattore VIII. I partecipanti alle coorti con dose 5X10¹¹ vg/kg e 1X10¹² vg/kg hanno mostrato una drastica riduzione dei sanguinamenti e delle infusioni, nonché un'attività stabile di Fattore VIII fino a 78 settimane di follow-up, e l'osservazione è tuttora in corso.

Tra i cinque partecipanti trattati nella coorte 2X10¹² vg/kg che non hanno riscontrato un declino nell'espressione del Fattore VIII associato alla risposta immunitaria, c'è stata, a partire dalle quattro settimane successive all'infusione dei vettori, una riduzione del 100% nei sanguinamenti e di oltre il 99% nelle infusioni di Fattore VIII, con un follow-up fino a 46 settimane.

“Questi dati aggiornati continuano a dimostrare un'impressionante riduzione dei sanguinamenti e delle infusioni in tutte le dosi studiate, inclusa l'eliminazione completa dei sanguinamenti nei cinque partecipanti alla coorte 2X10¹² vg/kg che non hanno avuto una risposta immunitaria deleteria”, ha detto la dr.ssa Katherine A. High, presidente e responsabile del settore Ricerca e Sviluppo di Spark Therapeutics, la società che ha sviluppato la terapia. “Inoltre, il profilo di sicurezza è stato eccellente, senza la comparsa di inibitori, di aumenti prolungati delle transaminasi o di eventi tromboembolici per i 12 partecipanti. Coerentemente con le nostre aspettative, e in linea con i risultati precedenti ottenuti con l'uso della piattaforma tecnologica virale adeno-associata (AAV) di Spark Therapeutics, i partecipanti alle prime due coorti di dosaggio hanno avuto delle risposte durature caratterizzate da livelli di attività del Fattore VIII stabili fino a un anno e mezzo”.

Sette dei 12 partecipanti hanno ricevuto un ciclo di steroidi orali con riduzione graduale della dose, di cui cinque nella coorte 2X10¹² vg/kg, in risposta ad un aumento dell'alanina aminotransferasi (ALT), a livelli di Fattore VIII in calo o ad immunospot positivi collegati agli enzimi IFN-g (ELISPOT). Per tutti i partecipanti, gli steroidi hanno portato a una rapida normalizzazione di ALT o ELISPOT.

Tutti i partecipanti hanno risposto all'infusione di vettori con un aumento dei livelli circolanti di Fattore VIII. Due partecipanti nella coorte 2X10¹² vg/kg hanno avuto una risposta immunitaria che ha causato il declino dei loro livelli di Fattore VIII a meno del 5%. Uno di questi partecipanti non ha risposto rapidamente agli steroidi somministrati per via orale ed è stato ricoverato in ospedale per ricevere due infusioni di metilprednisolone per via endovenosa. L'evento si è successivamente risolto senza effetti deleteri, a parte la diminuzione nell'attività del Fattore VIII. Il ricovero per queste infusioni ha soddisfatto i criteri di evento avverso grave.

Nel corso dello studio, i 12 partecipanti hanno dimostrato una rapida eliminazione del vettore dai fluidi corporei, con il tempo medio di due settimane per eliminare il DNA vettoriale dalla saliva, dallo sperma e dall'urina.

“Prevediamo di fornire un ulteriore aggiornamento dello studio di Fase I/II a metà del 2019, che includerà un'ulteriore coorte da cinque a dieci partecipanti al dosaggio di 2X10¹² vg/kg trattati con il materiale proveniente dal nostro processo di produzione delle sospensioni, e che valuterà anche la somministrazione di steroidi in un approccio di profilassi, con l'obiettivo di ridurre o eliminare le risposte immunitarie”, ha aggiunto la dr.ssa High.

Per ulteriori informazioni è possibile consultare il comunicato stampa aziendale.

Articoli correlati



GUIDA alle ESENZIONI per le MALATTIE RARE

Malattie rare, GUIDA alle esenzioni

Con l'entrata in vigore dei nuovi LEA (15 settembre 2017) è stato aggiornato l’elenco delle malattie rare esentabili.

OMaR (Osservatorio Malattie Rare), in collaborazione con Orphanet-Italia, ha realizzato una vera e propria Guida alle nuove esenzioni, con l'elenco ragionato dei nuovi codici, la lista completa di tutte le patologie esenti, le indicazioni su come ottenere l’esenzione e molto altro.

Clicca QUI per scaricare gratuitamente la Guida.

 


News



© Osservatorio Malattie Rare 2015 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Testata giornalistica iscritta al ROC, n.20188, ai sensi dell'art.16 L.62/2001 | Testata registrata presso il Tribunale di Roma - 296/2011 - 4 Ottobre
Direttore Responsabile: Ilaria Ciancaleoni Bartoli - Via Varese, 46 - 00185 Roma | P.iva 02991370541


Website by Digitest | Hosting ServerPlan



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni