Iscriviti alla Newsletter

Ultimi Tweets

OssMalattieRare
OssMalattieRare#Sclerodermia , non mi prenderai il sorriso”. Share, care, cure. Gli European Reference Network per favorire la diagnosi precoce e accelerare i tempi di cura. #WorldSclerodermaDay #ScleroSmile #ERNeu pic.twitter.com/85pfG5gl8f
About 55 minutes ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare#Sclerodermia , non mi prenderai il sorriso”. Serena Mingolla di @Fscleroderma presenta la campagna realizzata in occasione del #WorldSclerodermaDay . #Sclerosmile @APMARONLUS pic.twitter.com/Q4SQDxdE08
About 2 hours ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare#Sclerodermia , non mi prenderai il sorriso”. #WorldSclerodermaDay @Fscleroderma @paolabinetti :"La ricerca può fare della rarità una risorsa. È necessario che gli ERN diventino realmente funzionali, è fondamentale per la #sclerodermia come per tutte le #malattierare ." pic.twitter.com/7b7EzhNNzF
About 2 hours ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare Serata finale della III Edizione di #afiancodelcoraggio . Il premio @RocheItalia ha lo scopo di far conoscere bisogni e desideri di chi è affetto da #Emofilia , dando sostegno e valore a chi vive al loro fianco. pic.twitter.com/eOipuHrNEU
About 19 hours ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare#Sclerodermia , non mi prenderai il sorriso”. È questo il claim con cui il 29 giugno, per il 10° anno consecutivo, si celebrerà il #WorldSclerodermaDay promosso @Fscleroderma . In occasione di questa ricorrenza, domani a Roma, si terrà l’incontro dedicato alla patologia. pic.twitter.com/wtqxTSWtVE
About 21 hours ago.

Esperti a confronto al Gemelli su diagnosi tempestiva, innovazione terapeutica e gestione integrata

L’emofilia A acquisita, a differenza di altre coagulopatie, non è ereditaria e può verificarsi in maniera improvvisa nel corso della vita. Poco conosciuta e ignorata per lungo tempo, è una patologia ultra rara e potenzialmente letale, oggi al centro di interesse di specialisti grazie a importanti novità terapeutiche e ad un nuovo approccio diagnostico ‘integrato’, che vede la collaborazione tra esperti di medicina interna, geriatria, medicina d’urgenza e specialisti in emofilia.
Riguarda circa una persona su un milione, quindi novanta casi in Italia, anche se, - spiega il professor Giovanni Di Minno, Presidente Associazione Italiana Centri emofilia - secondo i nuovi registri europei di raccolta dati, i numeri sono tendenzialmente più alti. Questo aggiornamento sta cambiando anche il tipo di attenzione che il medico di Medicina Generale, l’Intensivista, il Geriatra e il medico di Pronto Soccorso stanno avendo nei confronti della malattia”.

Emofilia A acquisita - InfograficaL’emofilia A acquisita è una malattia autoimmune che non permette la normale coagulazione del sangue, in quanto l’organismo inizia a produrre anticorpi che bloccano l’attività coagulante del fattore VIII. Gli autoanticorpi si formano a seguito di malattie autoimmuni, emorragiche o dopo un prolungato uso di farmaci, condizione che si verifica nel 40% dei casi. Nel 10% dei pazienti, la patologia si manifesta durante o dopo una gravidanza. Per il restante 50% si tratta di malattia idiopatica, le cui cause non sono state ancora identificate.

L’evento scientifico 'reSET ACQUIRED HAEMOPHILIA A', svoltosi ieri a Roma, ha rappresentato una preziosa occasione per fare il punto sulla patologia, sull’innovazione terapeutica e sui nuovi percorsi di cura a disposizione dei pazienti.

L’emofilia A acquisita si presenta con gravi manifestazioni emorragiche in diverse parti del corpo e colpisce in particolare anziani e donne in gravidanza. L’età media delle persone che ne sono affette è 74 anni, e la malattia è quasi assente nei bambini. Tuttavia si trova un picco di casi nell’intervallo di età tra i 20 e i 40 anni, quando l’emofilia A acquisita è associata alla gravidanza. Inoltre, il 48,1% dei pazienti presenta comorbilità o condizioni cliniche associate alla manifestazione della patologia, quali malattie autoimmuni, oncologiche e reumatologiche.

Proprio perché si presenta in maniera improvvisa e la genetica non ‘aiuta’, la diagnosi di emofilia A acquisita spesso arriva tardivamente. La mortalità legata all’emofilia A acquisita è stata in passato molto alta ma, grazie anche alle novità terapeutiche oggi a disposizione, la situazione è decisamente migliorata.

Il numero di morti per motivi emorragici nell’emofilia acquisita, fino al 2010, era intorno al 10%, adesso siamo scesi al 3,5%, con una riduzione di oltre due terzi della mortalità per eventi emorragici, che sono la principale causa di decesso per questa malattia”, chiarisce Di Minno. “Le terapie disponibili fino ad oggi prevedevano l’immunosoppressione più un farmaco by-passante; attualmente è disponibile anche una terapia sostitutiva con fattore VIII di tipo porcino, ottenuto per ricombinazione genica, che è a bassa reattività, cioè non è toccato dagli anticorpi prodotti contro il fattore VIII umano e quindi può essere utilizzato per ottenere una emostasi normale e quindi per scongiurare il rischio di emorragie.”

Non è raro che questa patologia venga diagnosticata per la prima volta in Pronto Soccorso (PS), dove spesso, però, i campanelli d’allarme, come sanguinamenti, emorragie intracraniche o gastrointestinali, non vengono associati subito alla malattia. “Arrivare prontamente alla diagnosi è fondamentale per due ragioni - spiega Maria Pia Ruggeri, Presidente Società Italiana di Medicina di Emergenza ed Urgenza - riuscire a controllare l’emorragia e adottare subito la terapia più adeguata per il paziente. Per fare questo, il medico di Pronto Soccorso deve fare tutti gli accertamenti del caso, anche sulla storia clinica del paziente.”

Anche per questo, l’attività di formazione è fondamentale: proprio in quest’ottica si è svolto l’evento promosso da QBGroup e supportato da Baxalta, ora parte di Shire, presso il centro esperienziale per la simulazione IPSE Center (Interactive Patient Simulation Experience), dentro il Policlinico Universitario “A. Gemelli” di Roma.

Articoli correlati



GUIDA alle ESENZIONI per le MALATTIE RARE (2019)

Malattie rare, GUIDA alle esenzioni

Con l'entrata in vigore dei nuovi LEA (15 settembre 2017) è stato aggiornato l’elenco delle malattie rare esenti.

OMaR (Osservatorio Malattie Rare), in collaborazione con Orphanet-Italia, ha realizzato una vera e propria Guida alle nuove esenzioni, ora aggiornata al 2019, con l'elenco ragionato dei nuovi codici, la lista completa di tutte le patologie esenti, le indicazioni su come ottenere l’esenzione e molto altro.

Clicca QUI per scaricare gratuitamente la Guida (aggiornata ad aprile 2019).

 


News



© Osservatorio Malattie Rare 2015 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Testata giornalistica iscritta al ROC, n.20188, ai sensi dell'art.16 L.62/2001 | Testata registrata presso il Tribunale di Roma - 296/2011 - 4 Ottobre
Direttore Responsabile: Ilaria Ciancaleoni Bartoli - Via Varese, 46 - 00185 Roma | P.iva 02991370541


Website by Digitest | Hosting ServerPlan



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni