E’ stata l’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) a stabilire che bevacizumab (farmaco commercializzato con il nome Avastin) è indispensabile per la vista in condizioni di danno della macula.
L’Oms ha quindi tolto dall’imbarazzo AIFA e la Società Oftalmologica Italiana (SOI), che non riuscivano ad accordarsi sulla scelta tra bevacizumab e ranibizumab (meglio conosciuto come Lucentis), come terapia di prima linea per la maculopatia.

Con il termine di “maculopatie” ci si riferisce alle patologie a carico della macula dell’occhio, zona della retina che serve alla visione centrale distinta.
Le cause dell’insorgenza di questi disturbi sono molteplici ma l’età avanzata è certamente causa di una delle forme più comuni: la Degenerazione Maculare Senile.

Ed è proprio a questo proposito che è arrivato il parere dell’OMS che considera l’Avastin l’unico farmaco anti-VEGF (Vascular endothelial growth factor ) indispensabile nell’assistenza sanitaria.

A pesare sulla scelta anche una questione di costi: ranibizumab è  notevolmente più caro rispetto a bevacizumab, questo rischiava di mettere in seria difficoltà gli ospedali pubblici nel garantire un adeguato intervento terapeutico.

Seguici sui Social

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Sportello Legale OMaR

Tutti i diritti dei talassemici

Le nostre pubblicazioni

Malattie rare e sibling

30 giorni sanità

Speciale Testo Unico Malattie Rare

Guida alle esenzioni per le malattie rare

Con il contributo non condizionante di

Partner Scientifici

Media Partner


Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni