Malattie rare e Coronavirus

  • Vaccini: Figliuolo “tira le orecchie” alle Regioni e le richiama al rispetto delle priorità

    Prima gli over 80 e i fragili, poi tutti gli over 60. L’obiettivo è sanare le troppe disparità a livello regionale

    Osservatorio Malattie Rare continua a ricevere quotidiane segnalazioni sui disservizi riscontrati nell’accesso alla vaccinazione per le categorie più fragili, sia malati rari che disabili con connotazione di gravita. Richieste d’aiuto che mettono in luce ancora una volta una situazione di grandissima disparità tra le diverse regioni italiane.

  • Disabilità, dalla FISH un manifesto-denuncia ad un anno da inizio pandemia

    La Federazione Italiana Superamento Handicap traccia il drammatico bilancio delle politiche adottate nei confronti di disabili e caregiver dallo scoppio dell’emergenza COVID

    La FISH, Federazione Italiana Superamento Handicap, a poco più di un anno dallo scoppio della pandemia di COVID-19, ha provato a tracciare un bilancio delle politiche fin qui adottate nei confronti delle persone con disabilità e dei loro familiari, caregiver e assistenti personali. Il tutto attraverso un manifesto-denuncia in cui viene lanciato l’allarme sul fatto che gli importanti risultati che erano stati ottenuti, negli anni, sul terreno dell’inclusione, lavorativa, sociale e scolastica, in una parola, esistenziale, si stanno via via smantellando, restituendoci un Paese che è diventato meno accessibile, sempre meno accogliente e sempre più egoista. Riportiamo di seguito il manifesto della FISH.

  • Vaccini covid-19 disabili gravi, troppe difficoltà di accesso alla prenotazione. La denuncia dal Veneto

    La testimonianza di Claudia, padovana: impossibile prenotare, troppe incongruenze

    Nelle ultime settimane lo Sportello Legale OMaR, impegnato a monitorare quotidianamente le attività vaccinali anti-Covid a livello regionale ha raccolto moltissime segnalazioni da parte di cittadini arrabbiati e disorientati. Troppe le informazioni discordanti che circolano, tramite canali ufficiali o meno, sulle modalità di accesso al vaccino, tra prenotazione diretta, chiamata da parte dei centri di riferimento o dalla Asl, piuttosto che dal medico di base.

  • Vaccino AstraZeneca, raccomandato uso over 60. Assicurata la seconda dose a tutti

    Pubblicata la circolare del Ministero della Salute sulla base del parere di AIFA

    La circolare del Ministero della Salute che ha aggiornato le raccomandazioni sul vaccino Vaxzevria di AstraZeneca è stata pubblicatae inviata a Regioni, istituzioni ed associazioni.

    Il documento ribadisce che “il vaccino Vaxzevria è approvato a partire dai 18 anni di età. Sulla base delle attuali evidenze, tenuto conto del basso rischio di reazioni avverse di tipo tromboembolico a fronte della elevata mortalità da COVID-19 nelle fasce di età più avanzate, ne raccomanda un suo uso preferenziale nelle persone di età superiore ai 60 anni. In virtù dei dati ad oggi disponibili, chi ha già ricevuto una prima dose del vaccino Vaxzevria, può completare il ciclo vaccinale col medesimo vaccino.”

  • Malattie rare e vaccino Covid-19, ecco i codici di esenzione delle patologie con la massima priorità

    Le raccomandazioni dal Tavolo Interregionale Malattie Rare, redatte già il 15 marzo. Sembra che le regioni si stiano allineando al documento. Il codici di esenzione individuati sono 115

    Quale priorità vaccinale per i malati rari? Quali sono i codici di esenzione che danno diritto a rientrare nella famigerata tabella 1 delle “Raccomandazioni ad interim sui Gruppi target della vaccinazione anti SARS-CDV2/Covid19 del 10/3/2021” che esplicita i soggetti estremamente vulnerabili?  Finalmente è arrivata una prima risposta concreta, con il Documento redatto dal Tavolo interregionale Malattie Rare del 15/03/2021 che identifica i codici R di malattia rara corrispondenti alle Indicazioni Ministeriali (Allegato 1). Tale documento permette l’applicazione concreta dei codici di esenzione  per i pazienti con malattie rare in modo da definire un comportamento omogeneo tra tutte le regioni e provincie autonome. Si suppone dunque che tutte le regioni debbano ora attenersi a queste disposizioni.

  • IPF, la pedalata di Achille Abbondanza per ottenere al più presto il vaccino per i più fragili

    Visualizza

    Con l’ossigeno sulle spalle, da due settimane percorre la zona di Cervia per un Piano Nazionale Vaccini uniforme in tutte le regioni

    Achille Abbondanza ha 48 anni, è affetto da fibrosi polmonare idiopatica (IPF) ed è il Vice Presidente della Federazione Italia IPF e Malattie Rare Polmonari. Da due settimane sta pedalando nella zona di Cervia (Ravenna) per chiedere che venga rispettato il piano vaccinale nazionale in tutte le regioni in maniera uniforme e affinché i pazienti con IPF vengano vaccinati al più presto. La sua iniziativa, che ha chiamato #iomivaccinerei, l’ha spiegata in una lettera che pubblichiamo qui di seguito.

  • Disabilità e Covid: congedi e smart working alternativi ledono il diritto dei più fragili e delle loro famiglie

    L’analisi e le proposte dell’Osservatorio Malattie Rare sul tema

    Con il Decreto Legge n. 30 del 13 marzo 2021, sono state introdotte anche nuove “Misure urgenti per fronteggiare la diffusione del COVID-19 e interventi di sostegno per lavoratori con figli minori in didattica a distanza o in quarantena”, validi fino al 30 giugno 2021 (sintetizzati qui).
    Preso atto che molte associazioni hanno accolto il provvedimento con grande soddisfazione, lo Sportello Legale dell’Osservatorio Malattie Rare ha però analizzato attentamente il provvedimento, individuando alcune criticità sostanziali. In sintesi il provvedimento non tiene conto delle reali necessità dei bambini e ragazzi con disabilità grave in età prescolare e degli alunni con BES – bisogni educativi speciali. Né tantomeno tiene conto delle esigenze dei loro genitori che, nel caso della disabilità grave (riconosciuta ai sensi della Legge 104/92 art.3 comma 3) sono di fatto considerabili caregiver a tempo pieno.
    Inoltre il provvedimento, né altri provvedimenti di recente emessi, hanno preso il considerazione la possibilità di concedere permessi straordinari ai lavoratori disabili gravi e ai caregiver di disabili gravi ai sensi della L.104 .

  • Vaccino AstraZeneca, nessuna controindicazione per malattie trombotiche ed emorragiche

    Il Dr. Castaman: “Al momento non è stata dimostrata alcuna correlazione statisticamente significativa tra la sua somministrazione ed eventi trombotici”

    A seguito delle numerose domande sulla sicurezza del vaccino anti-SARS-CoV-2 di AstraZeneca, ricevute nell’ambito del servizio L’Esperto Risponde Coronavirus da parte di pazienti affetti da malattie emorragiche congenite (MEC) come l’emofilia e Malattia di von Willebrand e da malattie trombotiche (pazienti con ad esempio Fattore V di Leiden, mutazione del gene della protrombina G20210A, mutazione MTHFR) Osservatorio Malattie Rare ha chiesto il parere del Dr. Giancarlo Castaman, Direttore del Centro Malattie Emorragiche, Azienda Ospedaliero-Universitaria Careggi di Firenze.

  • COVID-19, AIPO-ITS pubblica una guida ai vaccini

    Il documento vuole fare chiarezza sul tema partendo da basi scientifiche solide e consolidate

    È stato infatti pubblicato nei giorni scorsi il documento dal titolo: “COVID-19 e vaccini. Facciamo chiarezza!” a cura del Gruppo di Studio Educazionale, Prevenzione, Epidemiologia e della Sezione Giovani Pneumologi di AIPO-ITS (Associazione Italiana Pneumologi Ospedalieri). Si tratta di un elaborato molto utile e chiaro non solo per addetti ai lavori ma anche per un target più vasto e generico di lettori.

  • COVID-19: come funzionano i test diagnostici?

    Esame antigenico, sierologico e molecolare: le differenze nell’infografica di Osservatorio Terapie Avanzate

    A distanza di un anno dall’inizio della pandemia la confusione sul tema dei test per l’identificazione e il monitoraggio dell’infezione COVID-19 è ancora tanta: molte persone ricorrono al test sbagliato e questo, in un momento in cui i contagi sono ancora elevati, può portare a gravi conseguenze per la diffusione dell’infezione virale. Osservatorio terapie Avanzate ha realizzato un documento che illustra in maniera semplice le differenze tra i test a nostra disposizione – antigenico, molecolare e sierologico – a cui ormai tutti, almeno una volta nell’ultimo anno, siamo stati sottoposti.

  • DL sostegni: per i fragili assenza da lavoro giustificata fino al 30 giugno. Ecco tutte le novità

    Previsto anche un nuovo fondo per la disabilità ma bisognerà attendere i decreti attuativi

    Nella serata di venerdì 19 marzo, il Presidente del Consiglio Mario Draghi ha presentato, durante una conferenza stampa con i Ministri Franco (Economia e Finanze) e Orlando (Lavoro e Politiche Sociali), le nuove misure inserite nel cosiddetto Decreto Sostegni - Decreto-Legge 22 marzo 2021, n. 41 (GU Serie Generale n.70 del 22-03-2021). Ecco tutte le novità previste nel DL Sostegni spiegate dallo Sportello Legale di Osservatorio Malattie Rare. 

  • COVID-19, urgente rafforzare le vaccinazioni per i pazienti oncologici

    Le associazioni chiedono chiarezza alle istituzioni per rassicurare i pazienti, in particolare quelli con tumori ematologici e del distretto toracico

    Roma – L’Onorevole Vanessa Cattoi, membro dell’Intergruppo parlamentare “Insieme per un impegno contro il cancro”, ha presentato un’interrogazione a risposta scritta indirizzata alla Presidenza del Consiglio dei Ministri e al Ministero della Salute sul tema delle vaccinazioni anti-COVID-19 dei pazienti oncologici e oncoematologici, per chiedere al Governo quali siano le attendibili previsioni sulle tempistiche di vaccinazione di tali pazienti in situazione vulnerabile, con particolare riguardo ai tumori ematologici e a quelli del distretto toracico, come il tumore del polmone.

  • Vaccino Covid 19 AstraZeneca: domande e risposte sulla ripresa della vaccinazione

    Sono necessarie terapie preventive? Cosa succede se si rifiuta il vaccino? Le risposte a queste e molte altre domande

    Il giorno successivo alla conferenza stampa in cui EMA ha rassicurato l’Europa sulla sicurezza del vaccino anti Covid-19 prodotto da AstraZeneca si è svolta la Conferenza stampa italiana dedicata alla comunicazione sulla sicurezza del vaccino, alla quale hanno preso parte il Direttore Generale di AIFA Nicola Magrini, il Direttore Generale della Prevenzione Giovanni Rezza e il Presidente del Comitato Superiore di Sanità Franco Locatelli.
    “Dopo la conferenza stampa di Ema – ha spiegato Margini – Aifa ha revocato il divieto d’uso temporaneo che era stato emesso in via precauzionale. Rispetto ai 7 casi di CID (coagulazione intravascolare disseminata) e ai 18 casi di trombosi cerebrale dei seni venosi (CVST) è stato chiarito che, su un totale di 20milioni di vaccinazioni, il nesso causale non è stato dimostrato.”

  • Vaccino AstraZeneca, EMA: benefici maggiori dei rischi. Riprendono le vaccinazioni in Italia

    Dal Ministero della Salute la promessa di una campagna di comunicazione corretta

    Durante la conferenza stampa svoltasi ieri sera la direttrice di Ema, Emer Cooke, ha dichiarato che il vaccino anti Covid-19 di AstraZeneca “è sicuro, efficace. I benefici sono superiori ai rischi ed escludiamo relazioni tra i casi di trombosi.”
    "Il governo italiano accoglie con soddisfazione il pronunciamento dell'Ema sul vaccino di AstraZeneca. La priorità del Governo rimane quella di realizzare il maggior numero di vaccinazioni nel più breve tempo possibile", ha commentato ai microfoni dell’Ansa il presidente del Consiglio Mario Draghi.

    Secondo quanto dichiarato dal Ministero della Salute le vaccinazioni con AstraZeneca riprenderanno oggi dalle ore 15.

  • Covid, smart working e congedi parentali, da marzo a giugno 2021 ecco cosa è previsto

    Congedi solo per chi non è collocabile in smart working. Dall'INPS chiarimenti sulle deroghe per i genitori con figli disabili e indicazioni procedurali

    A seguito del peggioramento dello stato pandemico in tutto il paese, che ha portato le regioni italiane – con eccezione della Sardegna – a collocarsi tutte le fasce arancioni o rosse, con conseguenti nuove strette sulle chiusure, in particolare di negozi e scuole.

    Alla luce di questo, con Decreto Legge n. 30 del 13 marzo 2021, sono state introdotte anche nuove “Misure urgenti per fronteggiare la diffusione del COVID-19 e interventi di sostegno per lavoratori con figli minori in didattica a distanza o in quarantena”, validi fino al 30 giugno 2021.

  • Vaccini anti-COVID: anche l’Europa chiede priorità per 100 milioni di persone con disabilità

    Secondo l'appello del Forum Europeo sulla Disabilità, lo stesso trattamento dev'essere riservato ai caregiver. Particolare attenzione per chi vive nelle strutture residenziali

    Bruxelles – Sono ben 100 milioni le persone con disabilità nell'Unione Europea: rappresentano il 15% della popolazione totale. Per loro, e per le persone che se ne prendono cura, la vaccinazione contro il COVID-19 deve essere prioritaria: lo chiede il Forum Europeo sulla Disabilità, negli undici punti della sua risoluzione approvata lo scorso 8 marzo.

  • COVID-19, approvazione europea per il vaccino a dose singola di Johnson & Johnson

    L'azienda mira ad iniziare le consegne all'UE nella seconda metà di aprile

    La Commissione Europea (CE) ha concesso l'autorizzazione all'immissione in commercio condizionata del vaccino a dose singola contro il COVID-19 sviluppato da Janssen, azienda farmaceutica di Johnson & Johnson, il cui uso è indicato negli individui di età pari o superiore a 18 anni.

  • Vaccinazioni Covid-19, nuove Raccomandazioni: priorità per disabili gravi e loro caregiver

    Osservatorio Malattie Rare audito al Senato sul tema. Ciancaleoni Bartoli "Grande soddisfazione per il nuovo documento, ora però si vigili su applicazione a livello regionale, soprattutto per i malati rari"

     In data 10 marzo, il Ministero della Salute in collaborazione con la struttura del Commissario Straordinario per l’emergenza COVID, AIFA, ISS e AGENAS ha elaborato la proposta di aggiornamento delle Raccomandazioni ad interim sui gruppi target della vaccinazione anti-SARS-CoV-2/COVID-19, che ha ricevuto parere positivo da parte del Consiglio Superiore di Sanità ed è stato oggetto di un confronto con il Presidente e alcuni componenti del Comitato Nazionale di Bioetica. (Documento disponibile a questo link e già sintetizzato nel nostro approfondimento dedicato al Vaccino anti Covid-19).

  • Vaccino Covid 19, disabilità e persone fragili, Speranza assicura la priorità per chi ha 104 con gravità

    La nota del Ministero, datata 8 marzo esplicita la garanzia del pieno accesso alle vaccinazioni per le persone con Sindrome di Down e i disabili gravi certificati ai sensi di legge

    La Fish (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap) e la Fand (Federazione tra le Associazioni Nazionali delle Persone con disabilità) all’inizio del mese di dicembre 2020 hanno inviato una lettera al Ministro della salute Roberto Speranza per chiedere chiarezza circa i tempi e le modalità della somministrazione dei vaccini alle persone con disabilità.

    Nella lettera veniva chiesto esplicitamente di realizzare “con urgenza e certezza la garanzia e il pieno accesso alle cure e alla salute in condizione di sicurezza ed agibilità anche rispetto alle differenti disabilità, a partire dai futuri vaccini che dovranno essere garantiti per tutte le persone con disabilità e alle persone con quadri clinici di particolare rischio, e non solo per coloro che si trovano in stato di ricovero, nel rispetto della loro libertà di scelta individuale e di quella delle loro famiglie”.

    Lo scorso mese di febbraio è stato rimodulato il Piano Vaccinale Nazionale e, anche in questa occasione, la Fish ha manifestato il proprio timore circa la

  • Plasma, effetto COVID: a gennaio la raccolta cala del 13,5%

    Nel 2020 le donazioni sono diminuite del 2% rispetto all’anno precedente

    Milano - I farmaci plasmaderivati rappresentano un’opzione terapeutica essenziale per diverse patologie rare. Purtroppo, esiste un divario tra domanda e offerta di immunoglobuline a livello nazionale, europeo e globale. In Italia, come dimostrano i dati del Centro Nazionale Sangue, dopo anni di crescita, nel 2020 si è assistito ad una diminuzione delle donazioni rispetto al 2019 (-2%), rendendo più lontano l’obiettivo dell’autosufficienza fissato dal Piano Sangue. Stando agli ultimi dati diffusi dal CNS, si registra una preoccupante continuità di tale trend anche a gennaio del 2021 (-13,5%). Sono questi i dati che anticipano il Simposio che si terrà oggi, alle ore 10.00, durante il 40° Congresso Nazionale della SIF, Società Italiana di Farmacologia, e che avrà per titolo: "WARNING ON: “The value of plasma-derived therapies: immunoglobulins as essential drugs".

  • Molise, vaccinazioni aperte agli OVER 80 e ai soggetti vulnerabili

    Chi e come potrà prenotare ed effettuare il vaccino

    Al momento in Molise, le modalità di prenotazione e la somministrazione del vaccino contro la COVID-19 sono rivolte solo agli ultra ottantenni, ai soggetti vulnerabili, al personale scolastico e alle forze armate. Successivamente, secondo le indicazioni ministeriali, sarà resa disponibile la prenotazione anche per le altre categorie.

  • Marche, già in atto la vaccinazione per i soggetti più fragili

    Le categorie a rischio verranno chiamate direttamente dalle strutture sanitarie

    Nelle Marche, come in altre regioni, sono già in corso le vaccinazioni anti COVID-19 per gli Over 80, per il personale scolastico e per i soggetti maggiormente a rischio complicanze.

    La Regione nel frattempo ha potenziato tutti i canali di comunicazione con la popolazione per supportare il Piano vaccini regionale. All’apertura della nuova pagina web sul sito istituzionale (www.regione.marche.it/vaccinicovid), dedicata ai vaccini e alle prenotazioni, si aggiunge quindi il rafforzamento del Numero Verde 800936677 sull’emergenza COVID-19 che i cittadini possono contattare per essere informati: le postazioni attive sono già state raddoppiate (da 7 a 14) e saranno ulteriormente incrementate. Da giovedì 1° aprile saranno ben 20 con orario 8-20.

    Ecco nel dettaglio chi può prenotare la vaccinazione e come.

  • Vaccino Covid-19, tutte le informazioni dedicate a malati rari, persone con disabilità e caregiver

    Tutti gli aggiornamenti e le modalità per accedere alle vaccinazioni regione per regione

    L’Italia è attualmente in piena campagna vaccinale anti Covid-19. In questa pagina abbiamo raccolto le principali informazioni sul tema, che Osservatorio Malattie Rare si impegna ad aggiornare costantemente. Le informazioni sulle vaccinazioni disponibili e sulle attività vaccinali sono rivolte a tutta la cittadinanza, ma indirizzate in particolare alle persone con malattie rare, disabilità, patologie croniche e invalidanti e ai loro caregiver.

    L'ORDINANZA DEL 9 APRILE SULLE PRIORITA' VACCINALI

    Le vaccinazioni di fatto procedono in maniera indipendente a livello regionale. Ogni regione ha dunque elaborato un proprio piano vaccinale, creando in molti casi disparità di accesso. I piani vaccinali però devono attenersi strettamente all'ordinanza n.6/2021 del 9 aprile 20121 del Commissario straordinarioFigliuolo.
    L'ordinanza impone che la vaccinazione rispetti il seguente ordine di priorità:
      - persone di età superiore agli 80 anni;
      - persone con elevata fragilità e, ove previsto dalle specifiche indicazioni contenute alla Categoria 1, Tabella 1 e 2 delle citate Raccomandazioni ad interim, dei familiari conviventi, caregiver, genitori/tutori/affidatari;
      - persone di età compresa tra i 70 e i 79 anni e, a seguire, di quelle di età compresa tra i 60 e i 69 anni, utilizzando prevalentemente vaccini Vaxzevria (precedentemente denominato COVID-19 Vaccine AstraZeneca) come da recente indicazione dell’AIFA.

    Parallelamente deve essere completata la vaccinazione di tutto il personale sanitario e sociosanitario e di tutti coloro che operano in presenza presso strutture sanitarie e sociosanitarie pubbliche e private. A seguire saranno vaccinate le altre categorie considerate prioritarie dal Piano nazionale, parallelamente alle fasce anagrafiche secondo l’ordine indicato. Tutte le persone che hanno già ricevuto una prima somministrazione, potranno completare il ciclo vaccinale col medesimo vaccino.

    I PIANI VACCINALI REGIONALI E LE RACCOMANDAZIONI NAZIONALI

    I piani vaccinali delle regioni si basano sulle Raccomandazioni ad interim del 10 marzo, che identificano, con la Tabella 1, le aree di patologia identificate come estremamente vulnerabili ai fini della vaccinazione anti Covid-19. Le raccomandazioni sono state implementate con il Documento Documento redatto dal Tavolo interregionale Malattie Rare del 15/03/2021 che identifica i codici R di malattia rara corrispondenti alle Indicazioni Ministeriali.
    L'elenco dei codici di esenzione di fatto rappresenta una ESTENSIONE delle Raccomandazioni ad interim che serve per individuare su base nazionale i codici di malattia rara corrispondenti alle indicazioni della Tabella 1 delle Raccomandazioni.
    ECCO I CODICI DI ESENZIONE DELLE PATOLOGIE CON LA MASSIMA PRIORITÀ.

    ATTENZIONE: L'elenco dei codici di esenzione per malattia rara attualmente individuato è parziale e sarà certamente aggiornato in una fase successiva. Resta sempre e comunque valida l'indicazione di priorità per le persone con disabilità grave (titolari di Legge 104 articolo 3 comma 3) e loro familiari conviventi e caregiver. Come da indicazioni fornite dalla Tabella 2 delle Raccomandazioni ad interim. Ogni regione prevede temi e modalità di prenotazione/convocazione diversi anche per quanto riguarda le persone con disabilità grave e i loro caregiver.

    ECCO COME FUNZIONANO LE CAMPAGNE VACCINALI REGIONE PER REGIONE

     

    GLI ALTRI APPRODONDIMENTI SUL TEMA:

    VACCINO COVID-19, MALATTIE RARE E DISABILITÀ: TUTTO QUELLO CHE C’È DA SAPERE

    In questo approfondimento abbiamo raccolto le principali informazioni disponibili sui vaccini: le fasi della campagna così come previste a livello nazionale, le categorie prioritarie ai fini della vaccinazione, le raccomandazioni delle società scientifiche riguardo le diverse patologie o gruppi di patologia.

    VACCINO ASTRAZENECA, RACCOMANDATO USO OVER 60. SECONDA DOSE ASSICURATA A TUTTI

    DOMANDE E RISPOSTE SUL VACCINO ASTRAZENECA.

    Con il Decreto Sostegni sono stati introdotti nuovi finanziamenti da destinare all'acquisto di vaccini e alla campagna vaccinale. Vi invitiamo ad approfondire qui DL sostegni: per i fragili assenza da lavoro giustificata fino al 30 giugno. Ecco tutte le novità.

    L’APPELLO A SPERANZA: VACCINARE LE PERSONE FRAGILI PRIMA DI QUELLE IN SALUTE

    LE CAMPAGNE VACCINALI REGIONE PER REGIONE

    VACCINO COVID-19 IN ABRUZZO

    VACCINO COVID-19 IN BASILICATA

    VACCINO COVID-19 IN CALABRIA

    VACCINO COVID-19 IN CAMPANIA

    VACCINO COVID-19 IN EMILIA-ROMAGNA

    VACCINO COVID-19 IN FRIULI VENEZIA GIULIA

    VACCINO COVID-19 NEL LAZIO

    VACCINO COVID-19 IN LIGURIA

    VACCINO COVID-19 IN LOMBARDIA

    VACCINO COVID-19 NELLE MARCHE

    VACCINO COVID-19 IN MOLISE

    VACCINO COVID-19 IN PIEMONTE

    VACCINO COVID-19 IN PUGLIA

    VACCINO COVID-19 IN SARDEGNA

    VACCINO COVID-19 IN SICILIA

    VACCINO COVID-19 IN TOSCANA

    VACCINO COVID-19 IN TRENTINO ALTO ADIGE

    VACCINO COVID-19 IN UMBRIA

    VACCINO COVID-19 IN VALLE D'AOSTA

    VACCINO COVID-19 IN VENETO

     

    ATTENZIONE! L'ordinanza 3/2021 del Commissario Straordinario per l'attuazione e il coordinamento delle misure di contenimento e contrasto dell'emergenza epidemiologica Covid-19 e per l'esecuzione della campagna vaccinale nazionale, dispone che ciascuna Regione o Provincia Autonoma proceda alla vaccinazione non solo della popolazione ivi residente ma anche di quella domiciliata nel territorio regionale per motivi di lavoro, di assistenza familiare o per qualunque altro giustificato e comprovato motivo che imponga una presenza continuativa nella Regione o Provincia Autonoma. L'ordinanza riporta la data del 29 marzo 2021.

  • Liguria, per gli “ultravulnerabili” già prenotabile la vaccinazione

    Ecco chi può prenotare e come

    Come in tutte le regioni il calendario di vaccinazione ruota tutto attorno alla consegna delle dosi e della tipologia di vaccino, ma stando a quanto previsto dal piano vaccinale della Liguria, per i soggetti ultravulnerabili insieme agli over 75 le prenotazioni sono già effettuabili. 

  • Emilia Romagna, partita la vaccinazione anti COVID per over 80 e persone con disabilità

    Dal 15 marzo 2021 verranno vaccinate le “persone estremamente vulnerabili”, cioè con rischio elevato di sviluppo forme gravi o letali della patologia

    La Regione Emilia Romagna attualmente sta vaccinando contro la COVID-19 la popolazione con oltre 80 anni di età, i portatori di disabilità fino ai 65 anni e il personale scolastico e universitario.
    Di seguito le modalità di prenotazione e gli aventi diritto attualmente.

  • Vaccino Covid-19, il piano vaccinale della Regione Puglia

    Attualmente la prenotazione è attiva solo per le persone con più di 80 anni. I pazienti fragili saranno contattati direttamente dai medici di base

    La Regione Puglia, con l’obiettivo di raggiungere il prima possibile l'immunità di gregge, ha avviato la somministrazione dei vaccini anti – Covid secondo un ordine di priorità che tiene conto di diversi fattori: rischio di malattia, tipi di vaccino e disponibilità. L’adesione è libera e volontaria, e non è vincolante. Nel recepire il Piano strategico nazionale per la vaccinazione, la Regione ha istituito una Cabina di regia regionale e Nuclei operativi aziendali, al fine di assicurare un supporto tecnico-scientifico, pianificare le azioni e monitorare l'andamento della campagna.

    Durante la prima fase le vaccinazioni sono state riservate al personale che opera in ambito sanitario e sociosanitario di strutture pubbliche e private e agli ospiti delle Rsa.  La seconda fase ha, invece, coinvolto persone dagli 80 anni in su, operatori scolastici, forze dell’Ordine e forze Armate. 

    A seguito del via libera di EMA e AIFA sono riprese le somministrazioni al personale scolastico e universitario e alle Forze dell’Ordine. Proseguono anche le vaccinazioni delle persone over 80: da lunedì 22 marzo partiranno i richiami, con l’avvio delle somministrazioni delle seconde dosi per gli ultraottantenni.

    La prenotazione, in questa fase la prenotazione è riservata alle persone con almeno 80 anni, deve essere effettuata nella ASL di residenza o domicilio. Inoltre, è possibile prenotare la vaccinazione per sé o per un'altra persona presso le farmacie abilitate al servizio Farmacup, portando la tessera sanitaria di chi deve sottoporsi al vaccino. A questo link tutte le istruzioni per prenotare e l'elenco delle farmacie abilitate.

  • Vaccini anti Covid-19 in Lombardia, poche certezze concrete per le categorie più fragili

    Aperte le prenotazioni per i soggetti con patologie invalidanti e Legge 104 ma tanti disservizi

    La campagna di vaccinazione massiva della Regione Lombardia ha l’obiettivo di vaccinare il maggior numero di persone nel più breve tempo possibile in coerenza con le linee guida del Ministero della Salute e le priorità del piano vaccinale della Lombardia, garantendo accessibilità e sicurezza a tutte le categorie e assicurando il più possibile la normale attività delle strutture sanitarie.

  • Vaccino Covid-19, la campagna vaccinale della Valle d'Aosta

    Ancora nessuna specifica attualmente disponibile per i soggetti fragili e i loro caregiver. Le vaccinazioni avvengono a chiamata diretta ma la prenotazione va confermata

    La campagna vaccinale in Valle d’Aosta è rivolta ai soli assistiti del Servizio Sanitario Regionale. La vaccinazione di massa è iniziata il 1 marzo. Nella fase iniziale della vaccinazione di massa viene prenotata una prima fascia di cittadini. Sono privilegiate, sulla base della tipologia di vaccini, le persone più fragili (per età e condizioni di salute). Nessuna notizia pratica risulta disponibile rispetto alla vaccinazione delle persone con malattie rare e/o disabilità e i loro caregiver.

  • Vaccino covid 19: la campagna vaccinale della regione Basilicata

    Parte martedì 6 aprile la prenotazione del vaccino per le categorie fragili

    Sul sito della Regione Basilicata consultabile a questo link, si legge che: “Anche in Basilicata sarà operativo il sistema di prenotazione online del vaccino anti Covid, predisposto dalla Struttura commissariale nazionale per l’emergenza pandemica e realizzato da Poste Italiane. A partire dalle ore 14.00 di martedì 6 aprile, infatti, i cittadini lucani appartenenti alle categorie più fragili potranno prenotarsi inserendo esclusivamente codice fiscale e numero di tessera sanitaria sul sito di Poste Italiane e al numero verde 800.00.99.66, attivo dal lunedì alla domenica dalle ore 8 alle ore 20. Sono oltre 50.000 i cittadini lucani che hanno diritto a questa priorità. Successivamente sarà il turno degli over 70”.

    Per quanto riguarda i caregiver, sul sito pmi.it economia e mercati, consultabile al questo link, si legge che da aprile in Basilicata anche i caregiver possono prenotarsi per il vaccino attraverso la piattaforma di Poste Italiane o tramite il numero verde 800 00 99 66.

    Ecco le modalità di accesso alla campagna vaccinale.

  • Vaccinazione Covid 19: la campagna della Regione Calabria e le modalità di accesso

    Iniziata la vaccinazione dei soggetti fragili, ma nessun chiarimento sul piano effettivamente attuato. L’adesione alla piattaforma di Poste italiane

    Nella Regione Calabria la campagna vaccinale è partita con gli ultraottantenni il 22 febbraio 2021, ed è proseguita con la vaccinazione delle categorie fragili a partire dal 27 febbraio. La regione non ha però reso noto quali soggetti rientrano in questa categoria (esplicitata solo parzialmente a livello nazionale, come spiegato nel nostro approfondimento sul vaccino Covid), col rischio di escluderne alcuni. Non c’era una piattaforma online per le prenotazioni e le persone venivano chiamate direttamente dal personale sanitario per la somministrazione del vaccino. Dopo i disagi creati dall’incertezza circa le modalità di prenotazione del vaccino, anche la Calabria ha finalmente aderito alla piattaforma di prenotazione online del vaccino Covid-19 realizzata da Poste italiane a cui si accede mediante il seguente link: https://prenotazioni.vaccinicovid.gov.it/cit/#/login

    Sul sito della Regione Calabria consultabile a questo link si legge che da domenica 21 marzo “il servizio di prenotazione per la somministrazione dei vaccini anti Sars-Cov2 è stato esteso anche alle categorie delle persone fragili, individuate attraverso i codici di esenzione previsti dal Sistema sanitario nazionale. Nei prossimi giorni, grazie all'ausilio delle Aziende sanitarie provinciali – comunica la Protezione civile regionale –, si provvederà a integrare ulteriormente la lista delle persone interessate, con l'inserimento di quelle casistiche non ricomprese in quelle contemplate dal Servizio sanitario nazionale. L'estensione della prenotazione interessa, al momento, circa 180mila persone, che vanno ad aggiungersi alla categoria degli ultraottantenni, per i quali la Piattaforma è attiva dallo scorso 17 marzo. Le prenotazioni saranno consentite in rapporto alle dosi di vaccini allo stato disponibili”.

    La prenotazione può essere effettuata online sulla piattaforma di cui a questo link.

 Sportello legale OMaR

Malattie rare e coronavirus - L'esperto risponde

Speciale Vaccino Covid-19

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Seguici sui Social

Invalidità civile e Legge 104, tutti i diritti dei malati rari

Invalidità civile e Legge 104, tutti i diritti dei malati rari

Guida alle esenzioni per le malattie rare

Malattie rare - Guida alle nuove esenzioni

Partner Scientifici



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni