Italian English French Spanish

Sono i risultati di uno studio statunitense real-world, utile per capire quanto siano più efficaci i nuovi farmaci inibitori del checkpoint immunitario come avelumab

Dallas (U.S.A.) – Il carcinoma a cellule di Merkel è un tumore della pelle raro e aggressivo che si verifica più frequentemente nei pazienti anziani e immunocompromessi. Negli Stati Uniti ci sono circa 1.500 casi all'anno di questa neoplasia, la cui incidenza è aumentata drasticamente negli ultimi 20 anni.

In genere, si presenta sotto forma di escrescenze indolori e in apparenza clinicamente insignificanti, che di solito si trovano su aree esposte al sole, come la testa e il collo. Questi tumori crescono rapidamente e tendono a metastatizzare precocemente, portando a una prognosi infausta: la sopravvivenza globale a 5 anni è del 40% e il tasso di mortalità è maggiore rispetto a quello di altri tumori della pelle, compreso il melanoma.

Prima della recente approvazione da parte della FDA di avelumab, un anticorpo monoclonale anti-PD-L1, il trattamento di questi pazienti era generalmente limitato alla chemioterapia sistemica. Oggi, per contestualizzare e interpretare correttamente i risultati degli studi clinici a braccio singolo con gli inibitori del checkpoint immunitario come avelumabraccomandato pochi giorni fa anche dal CHMP dell'Agenzia Europea per i Medicinali (EMA) – sono necessarie delle analisi retrospettive osservazionali sul trattamento chemioterapico.

È ciò che hanno fatto gli autori dello studio americano pubblicato sulla rivista Future Oncology: lo scopo di questa indagine real-world su pazienti con carcinoma a cellule di Merkel metastatico distale, era di valutare la risposta del paziente alla chemioterapia di prima linea (1L) e di seconda e ulteriore linea (2L+). Su 686 pazienti identificati nella Rete Oncologica statunitense, 67 sono stati arruolati nello studio 1L e 20 nel 2L+; la popolazione è stata poi ulteriormente ristretta ai pazienti immunocompetenti.

Il tasso di risposta globale è stato del 29,4% nel gruppo 1L e del 28,6% nel gruppo 2L+, ma la durata della risposta è stata di 6,7 mesi nel primo gruppo e di soli 1,7 mesi nel secondo. La sopravvivenza globale è stata invece di 10,5 mesi nel gruppo 1L e di 4,3 mesi in quello 2L+, mentre la sopravvivenza libera da progressione è stata, rispettivamente, di 4,6 e di 2,2 mesi. Gli esiti sulla popolazione complessiva (immunocompetenti e immunocompromessi) sono stati coerenti con la popolazione dell'analisi primaria, sia per il gruppo 1L che per quello 2L+.

I risultati indicano che, anche se con la chemioterapia sono state osservate delle risposte, la loro durata è breve e associata, comunque, a una scarsa sopravvivenza. Sono quindi necessari nuovi approcci terapeutici, come quelli basati sugli inibitori del checkpoint immunitario, che, secondo i primi dati finora disponibili, sembrano avere il potenziale per migliorare notevolmente i paradigmi di trattamento del carcinoma a cellule di Merkel, suscitando una risposta più duratura.



GUIDA alle ESENZIONI per le MALATTIE RARE

GUIDA alle esenzioni per malattie rare

Con l'entrata in vigore dei nuovi LEA (15 settembre 2017) è stato aggiornato l’elenco delle malattie rare esentabili.

OMaR (Osservatorio Malattie Rare), in collaborazione con Orphanet-Italia, ha realizzato una vera e propria Guida alle nuove esenzioni, con l'elenco ragionato dei nuovi codici, la lista completa di tutte le patologie esenti, le indicazioni su come ottenere l’esenzione e molto altro.

Clicca QUI per scaricare gratuitamente la Guida.

 


News



© Osservatorio Malattie Rare 2015 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Testata giornalistica iscritta al ROC, n.20188, ai sensi dell'art.16 L.62/2001 | Testata registrata presso il Tribunale di Roma - 296/2011 - 4 Ottobre
Direttore Responsabile: Ilaria Ciancaleoni Bartoli - Via Amedeo Cencelli, 59 - 00177 Roma | Piva 02991370541


Website by Digitest | Hosting ServerPlan





PC | Unknown | Unknown | ?

Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni