“L’'unico Centro fibrosi cistica umbro, che ha sede all'ospedale di Branca e rappresenta una realtà premiata come esempio di buone pratiche per l'alta specializzazione raggiunta, potrebbe non sopravvivere più perché il suo responsabile è costretto a chiedere il collocamento a riposo''. A sollevare il problema è Sandra Monacelli, capogruppo Udc in Consiglio regionale, in una interrogazione alla Giunta.

La Monacelli - riferisce una nota della Regione - chiede ''quali provvedimenti la Giunta intenda adottare per far sopravvivere un servizio così  specializzato, la cui mancanza costringerebbe i pazienti umbri di fibrosi cistica a migrare verso i centri di altre regioni''.
Fa inoltre presente che l'attuale responsabile del centro di Branca, invece di andare in pensione, potrebbe essere prorogato in servizio per altri tre anni di tempo, garantendo così l'obbligo di copertura del servizio a tempo pieno previsto dalla legge.

Sportello legale

Malattie rare e coronavirus - L'esperto risponde

BufalaVirus: le false notizie su COVID-19

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Seguici sui Social

Premio OMaR - Sito ufficiale

Libro bianco sulla malattia polmonare da micobatteri non tubercolari



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni