Accendere l’attenzione sulle malattie rare, un tema che ha una grande dimensione sociale: è questo l’obiettivo del Premio OMaR secondo Bruno Dallapiccola, direttore scientifico dell'Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma e componente del Tavolo di Lavoro per il Piano Nazionale delle Malattie Rare, intervistato in occasione della cerimonia di premiazione del VI Premio OMaR per la Comunicazione sulle Malattie e i Tumori Rari.

“Sono almeno un milione le persone affette da malattie rare in Italia: se a queste aggiungiamo anche le persone colpite da tumori rari arriviamo a quasi a quasi due milioni. Parlare di questo tema è estremamente importante, non lasciare queste persone nell’isolamento deve rappresentare una priorità per il nostro Paese”, afferma Dallapiccola, che ha premiato Adriana Bazzi, giornalista del Corriere della Sera, vincitrice del VI Premio OMaR nella categoria stampa e web.

Il direttore scientifico dell'Ospedale Bambino Gesù ha colto l’occasione di questo riconoscimento per affrontare il problema della divulgazione delle malattie rare e il tema, ancor più ampio, della scarsa diffusione di un giornalismo scientifico di qualità, sottolineando l’importanza di sviluppare un dibattito in Italia sulla buona comunicazione scientifica, un obiettivo ampiamente condiviso da tutti gli organizzatori del Premio OMaR.

Clicca QUI per scaricare l'instant book dedicato alla VI edizione del Premio OMaR.

Sportello legale

Malattie rare e coronavirus - L'esperto risponde

BufalaVirus: le false notizie su COVID-19

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Seguici sui Social

Il valore della cura e dell’assistenza nell’emofilia

Il valore della cura e dell'assistenza nell'emofilia

Sulle proprie gambe: racconti di XLH e rachitismo ipofosfatemico

Sulle proprie gambe: racconti di XLH e rachitismo ipofosfatemico

Partner Scientifici



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni