Roma - Riconoscimento di tutte le figure professionali coinvolte nel processo di fecondazione assistita; donazione degli embrioni inutilizzati sia ad altre coppie che alla ricerca scientifica. E più generale, estensione delle tutele e garanzie di chi intraprende un percorso di PMA, allo scopo di restituire centralità alla salute riproduttiva, dando ampio spazio alla informazione, prevenzione e preservazione della fertilità, con particolare riguardo all’impatto dell’inquinamento ambientale, e prevedendo fondi adeguati per tutti gli enti istituzionali coinvolti.

Sono questi i punti centrali della Proposta di Legge scritta, per la prima volta, dagli stessi operatori della riproduzione, con l’intento di abrogare la disciplina vigente in materia di riproduzione medicalmente assistita (legge 40/2004) e formulare una nuova normativa in aderenza sia alle pronunce della Corte costituzionale italiana, sia ai cambiamenti necessari sollecitati dalla società e dalla comunità scientifica.

Il testo di legge verrà presentato online il 21 luglio, a partire dalle ore 16.00, dalla Società italiana della Riproduzione Umana (SIRU) - inclusa nell’Elenco delle Società scientifiche del Ministero della Salute - a tutti gli operatori sanitari coinvolti nella tutela della salute riproduttiva e della riproduzione medicalmente assistita, nonché alle organizzazioni civiche, alle associazioni di pazienti, alle forze politiche rappresentate in Parlamento e alle Istituzioni sanitarie.

La SIRU nasce tre anni fa proprio con l’obiettivo di rinnovare l’ambito della PMA in Italia. In nome del pluralismo democratico, ha tre presidenti rappresentativi di ogni area di intervento delle procedure di PMA, ossia ginecologi, andrologi e biologi, e vede tra le sue fila ostetriche, psicologi, genetisti, medici legali e diverse figure a vario titolo partecipi.
“Dopo quasi vent’anni dall’approvazione della legge n. 40/2004– afferma il dott. Antonino Guglielmino, presidente ginecologo della SIRU - risulta evidente come vi siano carenze e criticità nell’impianto normativo attuale. In un momento in cui il diritto alla salute dei cittadini è ritornato a essere una priorità, assieme alla centralità del Servizio sanitario nazionale, è urgente intervenire.”

Nella Proposta è inserito anche il riconoscimento di tutte le principali figure professionali necessarie alla presa in carico, tra cui gli embriologi, gli andrologi e gli psicologi. “E’ paradossale che la legge 40/2004 e le normative successive abbiano dimenticato il ruolo fondamentale degli embriologi - ricorda la dott.ssa P. Viganò, Presidente biologa della SIRU - e tuttora non esista un percorso formativo specifico, considerando le grandi responsabilità e la necessaria competenza indispensabile ".

"Oggi più che mai è necessario porre al centro la persona – sia la donna che l’uomo - con tutte le complessità psico-fisiche ed intervenire sulle cause che provocano una riduzione della capacità riproduttiva legate, oltre che alle tradizionali patologie maschili e femminili che determinano infertilità, anche all’inquinamento ambientale, agli stili di vita, al modello di sviluppo, tutti fattori che incidono sulla natalità nel nostro Paese", ribadisce il dott. Luigi Montano, Presidente andrologo della SIRU.
Al riguardo è necessario avviare percorsi di prevenzione per poter intercettare i problemi e coinvolgere tutte le strutture territoriali.
"L’obiettivo del ciclo di webinar è quello di illustrare, approfondire e discutere le scelte effettuate nella Proposta di Legge e raccogliere ulteriori indicazioni sotto il profilo scientifico, giuridico e bioetico e quindi alla luce delle pronunce della Corte costituzionale, dell’esperienza maturata dagli operatori sanitari in questi anni di vigenza della legge 40/2004, della buona pratica clinica e assistenziale e infine, della fattibilità dell’iter legislativo - pone in evidenza l’avv. Maria Paola Costantini, coordinatrice dell’Osservatorio giuridico della SIRU-. La Corte costituzionale in più occasioni ha richiamato il ruolo fondamentale del Parlamento in un ambito che riveste una importanza cruciale nella vita dei cittadini, coinvolgendo i loro diritti fondamentali, e su cui occorre raccogliere il punto di vista degli operatori."

Per partecipare al webinar e avere maggiori informazioni clicca qui

Seguici sui Social

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Sportello Legale OMaR

Tutti i diritti dei talassemici

Le nostre pubblicazioni

Malattie rare e sibling

30 giorni sanità

Speciale Testo Unico Malattie Rare

Guida alle esenzioni per le malattie rare

Partner Scientifici

Media Partner



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni