A.N.I.Ma.S.S. ONLUS, Associazione Nazionale Italiana Malati Sindrome di Sjögren organizza con il patrocinio di 5 Circoscrizione e Comune di Verona la presentazione del libro ‘La sabbia negli occhi’.
L’evento si terrà il 1 marzo 2019 a Verona dalle ore 17.50 alle ore 20.00 presso la Sala Civica San Giacomo della 5° Circoscrizione- Borgo Roma.

La sabbia negli occhi è l’ultimo Libro di Lucia Marotta. E’ un viaggio dell’anima tra ricordi ed emozioni. Viaggio affrontato sempre con grande coraggio e determinazione. Tale libro ha ispirato liberamente il Film omonimo, prodotto dall’ A.N.I.Ma.S.S. (di cui Lucia Marotta è la Presidente), e racconta il dramma di Beatrice con la Sindrome di Sjögren, una malattia rara autoimmune che colpisce un numero sempre più alto di persone nel mondo di cui 9 su 10 sono donne.
Durante la presentazione del libro verrà proiettato il Corto “L’amante Sjögren”, un film di Maurizio Rigatti, finalista in Rai al Festival Tulipani di Seta Nera e vincitore al Festival Artelesia Divabili.

Il Corto “L’amante Sjogren” si è ispirato liberamente a due racconti del libro di medicina narrativa “Dietro la Sindrome di Sjogren” di Lucia Marotta ed è stato interpretato dall’attrice Daniela Poggi (nel ruolo della malata Anna) e da Gabriele Rossi (nel ruolo del figlio Valerio). Questo è un film che racconta la vita di una donna, Anna, molto impegnata che un giorno scopre di avere una malattia invisibile, che le entra dentro e inizia a scorrerle nelle vene, impedendole di muoversi, di sorridere, di essere felice, e si separa. La malattia invisibile ha un nome difficile da memorizzare: Sjӧgren, la malattia invisibile, ma pesante come un macigno che ti trascini dietro ogni giorno della tua vita.

L’Associazione nazionale A.N.I.Ma.S.S. Onlus è un punto di riferimento per i pazienti, i familiari, paramedici e per tutti quelli che esprimono il loro interesse nei confronti della patologia: essa offre ai malati informazione, assistenza, consulenza e si batte per il riconoscimento di questa Sindrome come malattia rara per poter godere delle esenzioni sanitarie. Nell’ambito di questa iniziativa il linguaggio della narrazione e quello cinematografico sono particolarmente adatti ad affrontare una tematica così importante e di alto valore sociale. Il cinema permette di portare sullo schermo delle storie particolari che diventano storie universali, che appartengono a tutti. La sofferenza, le storie personali, il coraggio e la determinazione con cui tante donne combattono quotidianamente con le conseguenze della malattia vengono portate sullo schermo per essere conosciute, ma anche condivise e comprese.

Sportello legale

Malattie rare e coronavirus - L'esperto risponde

BufalaVirus: le false notizie su COVID-19

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Seguici sui Social

Il valore della cura e dell’assistenza nell’emofilia

Il valore della cura e dell'assistenza nell'emofilia

Sulle proprie gambe: racconti di XLH e rachitismo ipofosfatemico

Sulle proprie gambe: racconti di XLH e rachitismo ipofosfatemico

Partner Scientifici



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni