UK - Le donne affette dalla malattia di Alzheimer mostrano un declino cognitivo più rapido rispetto a quello degli uomini. Lo sostiene uno studio condotto all’Università di Hertfordshire (Regno Unito), recentemente pubblicato sul Journal of Clinical and Experimental Neuropsychology.

La ricerca, condotta dal prof. Keith Laws e il suo team, rileva che gli uomini con Alzheimer hanno ottenuto risultati significativamente migliori rispetto alle donne in alcuni test che prendono in esame le funzionalità di 5 aree cognitive. In particolare la capacità verbale peggiora molto più velocemente nelle donne che negli uomini.

Il team medico ha realizzato una meta-analisi considerando i dati provenienti da quindi studi neurocognitivi già pubblicati. “Le spiegazioni possibili sono diverse – spiega Laws – potrebbe trattarsi dell’influenza degli ormoni, forse la perdita di estrogeni, o forse i maschi riescono a proteggere meglio le proprie facoltà cognitive. Saranno in ogni caso necessari altri studi per comprendere la motivazione di tale disparità tra i sessi.”

Un’ulteriore analisi dei dati disponibili ha anche mostrato che età, livello di istruzione e fattori ambientali non sono sufficienti per spiegare la differenza di progressione della malattia nei due sessi.

 

Alzheimer, le donne peggiorano più in fretta degli uomini

UK - Le donne affette dalla malattia di Alzheimer mostrano un declino cognitivo più rapido rispetto a quello degli uomini. Lo sostiene uno studio condotto all’Università di Hertfordshire (Regno Unito), recentemente pubblicato sul Journal of Clinical and Experimental Neuropsychology http://www.tandfonline.com/doi/abs/10.1080/13803395.2012.712676.

La ricerca, condotta dal prof. Keith Laws e il suo team, rileva che gli uomini con Alzheimer hanno ottenuto risultati significativamente migliori rispetto alle donne in alcuni test che prendono in esame le funzionalità di 5 aree cognitive. In particolare la capacità verbale peggiora molto più velocemente nelle donne che negli uomini.

Il team medico ha realizzato una meta-analisi considerando i dati provenienti da quindi studi neurocognitivi già pubblicati. “Le spiegazioni possibili sono diverse – spiega Laws – potrebbe trattarsi dell’influenza degli ormoni, forse la perdita di estrogeni, o forse i maschi riescono a proteggere meglio le proprie facoltà cognitive. Saranno in ogni caso necessari altri studi per comprendere la motivazione di tale disparità tra i sessi.”

Un’ulteriore analisi dei dati disponibili ha anche mostrato che età, livello di istruzione e fattori ambientali non sono sufficienti per spiegare la differenza di progressione della malattia nei due sessi.

Seguici sui Social

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Sportello Legale OMaR

Tutti i diritti dei talassemici

Le nostre pubblicazioni

Malattie rare e sibling

30 giorni sanità

Speciale Testo Unico Malattie Rare

Guida alle esenzioni per le malattie rare

Con il contributo non condizionante di

Partner Scientifici

Media Partner


Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni