La prima fase prevede l’utilizzo delle nuove tecnologie come training per i pazienti

Il progetto Sociable è un programma europeo volto a sperimentare l’utilità delle Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione (ICT) sui pazienti affetti da Alzheimer. Prevede attività di sostegno integrato alle attività cognitive e la stimolazione dell’interazione sociale verso pazienti ad alto rischio di sviluppare l’Alzheimer. La sperimentazione coinvolge complessivamente 350 pazienti, di questi  95 vengono da Forlì.

I risultati della prima fase della sperimentazione, presentati pochi giorni fa a Forlì, hanno evidenziato risposte largamente positive. Questa fase ha coinvolto una quarantina di pazienti che sono stati sottoposti al training effettuando giochi ad hoc sia su piattaforma touch-screen, che permette a più persone di interagire contemporaneamente, sia su computer portatile (tablet) per gli esercizi individuali, anche a domicilio.

“I dati a nostra disposizione sono incoraggianti - commenta Giulio Cirillo, direttore dell'unità ospedaliera di Geriatria di Forlì - nei questionari di gradimento compilati dagli anziani al termine dell'esperienza, il 90 per cento esprime soddisfazione per questo tipo di terapia, tanto da consigliarla ad amici e conoscenti che condividono il problema. Dal punto di vista clinico, si sono osservati un miglioramento delle funzioni cognitive e un impatto positivo sul livello di socializzazione e sull'umore dei pazienti coinvolti. I giochi - prosegue - sono stati ideati e realizzati per stimolare le diverse facoltà compromesse dalla patologia ci sono quindi attività specifiche per il linguaggio, il ragionamento, la memoria, e l'attenzione”.

Il progetto europeo mira ad integrare le terapie già esistenti, per fronteggiare al meglio un malattia in costante crescita: in base ai numeri forniti dalla Geriatria dell'Ausl di Forlì, ogni anno i nuovi casi registrati sono circa 400, per un totale di 1.000-1.200 persone in cura.
A Forlì, per presentare i risultati della prima fase di 'Sociable’, sono stati invitati i rappresentanti di tutti gli attori coinvolti: quattro stati europei (Grecia, Norvegia, Spagna e Italia), affiancati da undici partner, di cui quattro tecnologici (Cedaf, SingularLogic di Atene, Lab Human di Valencia, Aiju di Alicante), tre di tipo socio-assistenziale (comuni di Trondhheim, Kifissia e Forlì), ed altri quattro sanitari (Hygeia di Atene, Previ di Valencia, Fondazione S. Lucia di Roma e U.O. di Geriatria di Forlì).

Seguici sui Social

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Sportello Legale OMaR

Tutti i diritti dei talassemici

Le nostre pubblicazioni

Malattie rare e sibling

30 giorni sanità

Speciale Testo Unico Malattie Rare

Guida alle esenzioni per le malattie rare

Con il contributo non condizionante di

Partner Scientifici

Media Partner


Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni