Iscriviti alla Newsletter

Ultimi Tweets

OssMalattieRare
OssMalattieRare Clemente racconta la storia dei suoi due figli affetti da #MalattiaGranulomatosa cronica: dalle difficoltà diagnostiche al passaggio da un'assistenza incentrata sul bambino a una orientata sull'adulto. #Immunodeficienze bit.ly/2XtxNrk
About 19 hours ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare «Mi chiamo Nicola e la terapia la voglio fare a casa mia!» Nicola è affetto dalla #MalattiadiPompe , ogni settimana è costretto a recarsi in ospedale per la terapia. La battaglia della sua famiglia e di @aig_italia per la #TerapiaDomiciliare . bit.ly/2ICWyZy pic.twitter.com/O38SJ9EQLk
About 21 hours ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare #Immunodeficienze Secondo il prof. Claudio Pignata @UninaIT “Lo #screeningneonatale è il punto di partenza, ma non basta: occorre formare i medici e creare una rete regionale di centri esperti”. bit.ly/2IEVK6C pic.twitter.com/aM7TZKtpe7
About 22 hours ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare Sfidare a nuoto lo Stretto di Messina per ricordare i pericoli dell’ictus. L’impresa sportiva di Alberto Sassoli. bit.ly/2WUZgO4 pic.twitter.com/9P8tN6nTjB
2 days ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare Nonostante l’ #emofilia e una protesi al ginocchio, Salvo Anzaldi ha completato i 42 km della maratona di New York. La sua storia bit.ly/2WXKshC
3 days ago.

Attualmente se ne possono stimare in Italia 1.000 casi ma è probabile che molti pazienti muoiano senza che sia stata fatta la diagnosi

Si chiama Macroglobulinemia di Waldenstrom (MW) – dal nome del medico svedese che la descrisse la prima volta nel 1944 – è una malattia molto rara, per la precisione un linfoma, un tumore del sangue che colpisce in particolar modo gli uomini e mediamente lascia 5 anni di vita dalla diagnosi. A occuparsene sono pochi centri di ricerca, uno di questi è italiano: l’Ospedela Niguarda di Milano che per la malattia è anche centro di riferimento europeo. Per l’impegno con cui in questi anni si sono impegnati nel tantino di capirne le cause e individuare una terapia tre ricercatori che lavorano presso il dipartimento di Ematologia, la genovese Alessandra Trojani, la milanese Francesca Ricci e il palermitano Antonino Greco, riceveranno il premio Young Investigator Award (YIA) che verrà assegnato nel corso del sesto Workshop internazionale dedicato alla MW che si terrà a Venezia dal 6 al 10 ottobre.

 

I ricercatori infatti nell’ambito dei loro studi sono riusciti ad individuare molti geni e alcuni importanti meccanismi biologici coinvolti nel raro linfoma. Tutti i dettagli della ricerca verranno dati durante il workshop di Venezia ma è chiaro che i ricercatori nutrono molte speranze. Attraverso le nuove scoperete genetiche infatti si potrebbero individuare nuovi marcatori genetici della malattia e target terapeutici innovativi, e fornire nuove conoscenze dei processi biologici che caratterizzano la MW.
Per ora la cura che viene applicata ai malati che arrivano al Niguarda è un'immunochemioterapia: la combinazione tra un farmaco antitumorale e un anticorpo monoclinale”. L’equipe del Niguarda sta ora cercando di definire il mix ideale fra i due ingredienti.
Se le cause esatte della malattia rimangono infatti ancora ignote appare evidente che vi sia una componente genetica. Sempre secondo i dati raccolti dal Niguarda infatti i malati hanno una probabilità pari al 15 - 20 per cento di avere un parente di primo grado con la stessa patologia o malattie simili. Difficile è stabilire quante persone siano interessate da questo tumore che per molti anni può rimanere silente ed essere a lungo asintomatico. Secondo la professoressa Enrica Morra che dirige la divisione di Ematologia si può stimare che in Italia ve ne siano almeno 1.000 casi ma va tenuto conto anche del fatto che spesso i pazienti muoiono senza che sia stata effettuata la diagnosi, e spesso senza che siano stata tentate le cure del caso. Il numero non è di poco conto se letto nell’ottica della malattie e dei tumori rari che talvolta hanno poche decine di pazienti nel nostro paese e considerando quanti non vengono diagnosticati i numeri potrebbero essere molto più alti di quel che non si creda. Al di là di questi pochi numeri, l'epidemiologia della MW è tutta da scrivere.
“I criteri diagnostici li abbiamo stabiliti di recente, nel 2002 -  dice professoressa Morra Stiamo lavorando per diffonderli nei vari centri e anche il Workshop di Venezia sarà un momento di formazione prezioso, ma al momento molti casi vengono persi”. I sintomi più comuni della malattia sono ingrossamento della milza o dei linfonodi, viscosità del sangue, mal di testa, confusione, disturbi visivi, febbre, perdita di peso, necrosi delle parti più esposte al freddo (punta del naso, orecchie, dita di mani e piedi), ulcere ai malleoli, porpora e orticaria da freddo, neuropatie invalidanti. A causare il male è una proteina gigante che intasa la circolazione causando i sintomi più svariati fra cui disturbi a vista, nervi e cervello .

Articoli correlati



GUIDA alle ESENZIONI per le MALATTIE RARE (2019)

Malattie rare, GUIDA alle esenzioni

Con l'entrata in vigore dei nuovi LEA (15 settembre 2017) è stato aggiornato l’elenco delle malattie rare esenti.

OMaR (Osservatorio Malattie Rare), in collaborazione con Orphanet-Italia, ha realizzato una vera e propria Guida alle nuove esenzioni, ora aggiornata al 2019, con l'elenco ragionato dei nuovi codici, la lista completa di tutte le patologie esenti, le indicazioni su come ottenere l’esenzione e molto altro.

Clicca QUI per scaricare gratuitamente la Guida (aggiornata ad aprile 2019).

 


News



© Osservatorio Malattie Rare 2015 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Testata giornalistica iscritta al ROC, n.20188, ai sensi dell'art.16 L.62/2001 | Testata registrata presso il Tribunale di Roma - 296/2011 - 4 Ottobre
Direttore Responsabile: Ilaria Ciancaleoni Bartoli - Via Varese, 46 - 00185 Roma | P.iva 02991370541


Website by Digitest | Hosting ServerPlan



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni