Farmaci

Lo studio italiano TRACK ha testato l’efficacia nel lungo periodo del farmaco anti-IL-1

Milano - Trattare allo stesso tempo, e con un unico farmaco, sia l’artrite reumatoide sia il diabete di tipo 2, patologie spesso associate nei pazienti reumatici. A dimostrare la possibilità di colpire due bersagli con una sola freccia e gestire ‘in coppia’ le due patologie è uno studio italiano, TRACK, che ha testato l’efficacia nel lungo periodo della terapia con un antagonista dell’interleuchina-1 (IL-1) già utilizzato per l’artrite reumatoide, anakinra, nel tenere sotto controllo anche la glicemia. I risultati a 18 mesi sono stati presentati durante il 57° Congresso Nazionale della Società Italiana di Reumatologia (SIR): ben l’80% dei pazienti in trattamento con anakinra ha mantenuto la risposta nel lungo periodo nei confronti di entrambe le patologie. Sulla base dei benefici osservati, partirà nei prossimi mesi un secondo studio, TRACK 2, che per la sua rilevanza ha ottenuto l’egida della SIR.

Telemedicina

La piattaforma ha l’obiettivo di facilitare i contatti tra malato, medico di medicina generale e reumatologo

Ha preso il via il progetto di telemedicina reumatologica iARPlus, la nuova piattaforma informatizzata, interoperabile e in grado di facilitare i contatti tra malato, il medico di medicina generale e lo specialista reumatologo. Il progetto è promosso dalla Società Italiana di Reumatologia (SIR) con il supporto incondizionato dell’Associazione Nazionale Malati Reumatici (ANMAR) ed è stato presentato durante il 57° Congresso Nazionale della SIR.

Approvazione

Si tratta del primo inibitore di SGLT2 autorizzato per pazienti adulti con e senza diabete di tipo 2

Milano – Dapagliflozin è stato approvato nell’Unione Europea per il trattamento dello scompenso cardiaco cronico sintomatico con ridotta frazione di eiezione (HFrEF) negli adulti con e senza diabete di tipo 2. Lo scompenso cardiaco (HF) è una malattia cronica potenzialmente fatale che impedisce al cuore di pompare una sufficiente quantità di sangue nell’organismo. Colpisce circa 15 milioni di persone in Europa, almeno la metà delle quali presenta una ridotta frazione di eiezione, e si manifesta quando il muscolo del ventricolo sinistro non riesce a contrarsi in maniera adeguata e quindi pompa meno sangue ossigenato nel corpo.

Eczema

La formulazione in crema del farmaco è una terapia sperimentale in corso di sviluppo clinico e non è stata ancora approvata da alcuna autorità regolatoria

Durante la sessione Late Breaking News del Congresso virtuale dell’Accademia Europea di Dermatologia e Venereologia (EADV) 2020, sono stati presentati i risultati positivi di uno studio di Fase IIb sull'eczema cronico per definire il dosaggio di delgocitinib in crema, un inibitore topico sperimentale della pan-Janus chinasi (JAK).

Asma

Nel più vasto studio mai condotto sul risparmio di steroidi nella patologia, il 62% dei pazienti ne ha interrotto l’uso

Milano - I principali risultati di PONENTE, studio clinico di Fase IIIb condotto in aperto, hanno dimostrato che benralizumab è stato capace di eliminare la necessità di utilizzare i corticosteroidi orali (OCS) nei pazienti asmatici ipereosinofilici dipendenti dagli OCS per il controllo della sintomatologia asmatica.

Famiglia

Le sofferenze del bambino rischiano di trascinare genitori e figli in un vortice di sconforto

La dermatite atopica è la patologia più frequente in età pediatrica e interessa circa il 20% dei bambini tra 0 e 10 anni. Solo in Italia 1 milione di bambini ne è affetto. Secchezza cutanea e prurito intenso sono le manifestazioni più evidenti di questa patologia infiammatoria cronica, a volte talmente invalidanti da compromettere seriamente la serenità del bambino e della famiglia. Sintomi che si traducono nella perdita del sonno dei piccoli e nell’impotenza dei genitori, che non sanno come interrompere il loro grattarsi e convivono con la paura che si feriscano. Insomma, un pericoloso ‘terzo incomodo’ nel rapporto amorevole tra genitori e figli che può avere serie ricadute sulla qualità di vita di tutti i componenti del nucleo familiare.

lupus eritematoso sistemico

Parlare di questa patologia è importante, per avere una diagnosi precoce e iniziare il trattamento

Roma – Il lupus eritematoso sistemico (LES) non è una malattia rara: sono 5 milioni le persone che ne sono affette in tutto il mondo, di cui oltre 60.000 in Italia. Colpisce per lo più le donne in età fertile, nella fascia di età che va dai 13 ai 55 anni, in un rapporto di 9 a 1 rispetto agli uomini. L’incidenza annuale di questa malattia, in media, è di 80-100 casi per ogni 100.000 abitanti e si può presentare anche in età pediatrica e senile. Della patologia si è parlato al XXIII Congresso nazionale CReI (Collegio Reumatologi Italiani).

 Sportello legale OMaR

Malattie rare e coronavirus - L'esperto risponde

BufalaVirus: le false notizie su COVID-19

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Seguici sui Social

Invalidità civile e Legge 104, tutti i diritti dei malati rari

Invalidità civile e Legge 104, tutti i diritti dei malati rari

Guida alle esenzioni per le malattie rare

Malattie rare - Guida alle nuove esenzioni

Partner Scientifici



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni