Il farmaco, in soluzione iniettabile, viene usato per trattare l’occlusione della vena centrale della retina

Secondo una recente notizia Regeneron Pharmaceuticals ha annunciato che il CHMP (European Committee for Medicinal Products for Human Use) ha raccomandato l'approvazione, in Europa, del farmaco EYLEA (soluzione iniettabile di aflibercept) per il trattamento dell'edema maculare a seguito dell'occlusione della vena centrale della retina. La decisione della Commissione Europea è prevista per la seconda metà del 2013.

L'occlusione della vena centrale della retina (CRVO) è un disturbo vascolare dell'occhio causato dall'ostruzione della vena retinica centrale e dal conseguente versamento di fluido e sangue nella retina. La malattia può provocare gravi danni oculari e cecità.

Il rilascio di “fattore di crescita vascolare endoteliale” (VEGF) contribuisce all'aumento della permeabilità vascolare nell'occhio e all'insorgenza del cosiddetto edema maculare, ossia il rigonfiamento della macula, la zona centrale della retina, provocato dall'accumulo di fluidi e proteine.

EYLEA è un farmaco, globalmente sviluppato da Bayer HealthCare e Regeneron Pharmaceuticals, a base di una proteina ricombinante costituita da porzioni di domini extracellulari dei recettori umani VEGF 1 e 2, fuse con la parte Fc dell'immunoglobulina G1 umana.

EYLEA, formulato come soluzione iso-osmotica per somministrazione intravitreale, agisce come recettore esca che lega il VEGF-A al fattore di crescita placentale (PIGF), inibendo il legame e l'attivazione di recettori VEGF affini.

Articoli correlati

Sportello legale

Malattie rare e coronavirus - L'esperto risponde

BufalaVirus: le false notizie su COVID-19

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Seguici sui Social

Il valore della cura e dell’assistenza nell’emofilia

Il valore della cura e dell'assistenza nell'emofilia

Sulle proprie gambe: racconti di XLH e rachitismo ipofosfatemico

Sulle proprie gambe: racconti di XLH e rachitismo ipofosfatemico

Partner Scientifici



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni