Uno studio sui dati degli ultimi 25 anni mostra una riduzione della mortalità del 70 per cento

Pittsburgh (USA) - Un recente studio, pubblicato sulla rivista Arthritis and Rehumatism, fornisce nuovi dati a favore dell’uso del farmaco metotrexato per il trattamento dell’artrite reumatoide.


La ricerca, condotta da un team dell’ Allegheny Singer Research Institute di  Pittsburgh, ha rivalutato la relazione tra l’uso del farmaco e la mortalità dei pazienti. La valutazione è stata effettuata su più di 5000 pazienti per un periodo di 25 anni.
Confermando gli studi precedenti questa ricerca ha confermato che l’impiego di metotrexato è associato a una riduzione della mortalità del 70 per cento. I risultati confermano quindi l’utilità dell’impiego del farmaco nel trattamento dell’artrite reumatoide.

 

 

Artrite reumatoide, nuove conferme per l’uso di metotrexato.
Uno studio sui dati degli ultimi 25 anni mostra una riduzione della mortalità del 70 per cento

Pittsburgh (USA) - Un recente studio, pubblicato sulla rivista Arthritis and Rehumatism http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/23044791, fornisce nuovi dati a favore dell’uso del farmaco metotrexato per il trattamento dell’artrite reumatoide.

La ricerca, condotta da un team dell’ Allegheny Singer Research Institute di Pittsburgh, ha rivalutato la relazione tra l’uso del farmaco e la mortalità dei pazienti. La valutazione è stata effettuata su più di 5000 pazienti per un periodo di 25 anni.

Confermando gli studi precedenti questa ricerca ha confermato che l’impiego di metotrexato è associato a una riduzione della mortalità del 70 per cento. I risultati confermano quindi l’utilità dell’impiego del farmaco nel trattamento dell’artrite reumatoide.

Seguici sui Social

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Sportello Legale OMaR

Tutti i diritti dei talassemici

Le nostre pubblicazioni

Malattie rare e sibling

30 giorni sanità

Speciale Testo Unico Malattie Rare

Guida alle esenzioni per le malattie rare

Con il contributo non condizionante di

Partner Scientifici

Media Partner


Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni