A Monza, Treviso, Bologna Roma e Foggia è possibile prenotare visite gratuita

Sono circa 4 milioni gli italiani che soffrono di artrosi malattia articolare cronica e degenerativa che deforma gli arti rendendo la vita quotidiana sempre più difficile.
Ma rassegnarsi ad avere le 'mani legatè, accettando come una condanna gli effetti del tempo che avanza, è sbagliato: «L'artrosi alle mani si può curare in tanti modi», anche senza bisturi, e «con grandissimi risultati», assicura il chirurgo Marco Lanzetta, che ha presentato la seconda Giornata nazionale dell'artrosi alle mani.

Si celebrerà mercoledì 2 maggio con visite gratis in 5 città italiane (Monza, Monastier di Treviso, Bologna, Roma e Foggia), prenotabili telefonando allo 039-2324219. Dopo il successo della prima edizione, che nel gennaio 2011 ha totalizzato 250 persone visitate, torna quindi anche quest'anno l'iniziativa promossa dal Gicam (Gruppo italiano chirurghi amici della mano) in collaborazione con l'Iicm (Istituto italiano di chirurgia della mano) diretto a Monza da Lanzetta, noto alle cronache per aver firmato nel 2000 il primo trapianto di mano in Italia e per aver partecipato al primo al mondo nel 1998.

Grazie al consulto gratuito degli specialisti che aderiscono alla Giornata, gli interessati potranno informarsi sulle strategie di prevenzione e diagnosi precoce dell'artrosi alle mani, ma soprattutto sui nuovi trattamenti disponibili. Sarà possibile anche ricevere la consulenza di riabilitatori specializzati del Centro 'il Carrobiolò di Monza. E grazie a un questionario di autovalutazione online (www.iicm.it e www.gicam.net), tutti potranno conoscere la salute delle proprie mani e capire se serve una visita specialistica di approfondimento.

Solo in Lombardia (dati Istat), sono ben 640 mila le persone che convivono con un'artrosi alle mani. Si calcolano inoltre 360 mila pazienti nel Lazio, 320 mila in Veneto e 280 mila in Emilia Romagna. Causata da un mix fra predisposizione genetica e fattori ambientali (sotto accusa in particolare sollecitazioni meccaniche, obesità, malformazioni, traumi e microtraumi), l'artrosi alle mani può attaccare anche i giovani. Ma è fra gli anziani che raggiunge cifre da epidemia: i segni tipici si possono riscontrare nell'80 per cento degli over 65.

 

Seguici sui Social

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni