Ultimi Tweets

OssMalattieRare
OssMalattieRare #ScreeningNeonatale : la @regionetoscana sarà la prima regione italiana ad estendere la procedura alle malattie da accumulo lisosomiale e alle immunodeficienze SCID bit.ly/2w9LID2 pic.twitter.com/1M5PkBsicq
About 13 hours ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare #FibrosiCistica : una partnership per lo sviluppo di una #terapiagenica di prima classe stipulata da @boehringer con @genemed , @ImperialInnova e @OxfordBioMedica . #GeneTherapy #CysticFibrosis bit.ly/2vNktPi pic.twitter.com/vNFbi2X2c8
About 16 hours ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare Uno studio italiano collega per la prima volta il mancato sviluppo di una specifica area del cervello ai disturbi dell’ #autismo . Il lavoro è stato condotto da @IITalk e guidato da Laura Cancedda, in collaborazione con il @CIBIO_UniTrento . bit.ly/2w8QYqB pic.twitter.com/Sq5oXIErDw
About 19 hours ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare Negli Stati Uniti, le persone affette da #MalattiaDiFabry potranno disporre del primo farmaco orale per questa rara patologia da accumulo lisosomiale. #MalattieRare bit.ly/2MSSMeC pic.twitter.com/XXDtFllnRN
1 day ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare #Malattierare : Sarepta espande la propria presenza nel campo della #terapiagenica e amplia la sua pipeline nelle terapie mirate al sistema nervoso centrale. bit.ly/2MlefjV pic.twitter.com/kIxtWnCYeg
1 day ago.

Scoperto un nuovo modello di proliferazione delle cellule tumorali, servirà per gestire la malattia

Una nuova ricerca dal Technion-Israel Institute of Technology  e del Rambam Medical Center di Haifa sostiene che siano possibili nuovi metodi per controllare la crescita dei tumori fino a trasformarli in malattie croniche del tutto gestibili. Questa  ricerca, pubblicato su Stem Cells, ha scoperto un nuovo modello di crescita e proliferazione delle cellule tumorali che faciliterà la scoperta di farmaci mirati e il processo di autorinnovamento.
Gli scienziati hanno infatti dimostrato che le cellule tumorali crescono e proliferano con maggior incisività quando sono esposte a cellule umane, rispetto ai modelli animali sulle quali sono sempre state studiate.

Al fine di simulare l'ambiente di tumore umano più vicino possibile, il gruppo di ricerca ha sviluppato un teratoma – una neoformazione complessa (un tumore quindi  costituito da cellule e tessuti di derivazione embrionale – ancora in possesso della capacità di differenziazione delle cellule staminali umane. Il teratoma cellulare umano costituisce di fatto una nuova piattaforma di cellule umane sane per monitorare il comportamento e la proliferazione di cellule tumorali umane.
Per questo studio, il team ha utilizzato delle cellule di carcinoma ovarico di una donna caucasica, dentro alle quali ha iniettato cellule staminali umane di derivazione ambientale:  "Abbiamo notato molto presto, piuttosto sorprendentemente, che le cellule tumorali umane crescono di più nell'ambiente teratoma rispetto a qualsiasi altro ambiente "ha spiegato Skorecki, direttore del Rambam Medical Center e co-autore dello studio.

Grazie a questo metodo gli scienziati sono riusciti ad isolare sei diversi tipi di cellule auto-rinnovantesi, distinguendole su base comportamentale (quanto velocemente crescono, quanto sono aggressive, quando differenziate) e sulla base del loro profilo molecolare.  Fino ad ora non era mai stato notato che un tumore potesse avere una tale quantità di cellule diverse, con diverse proprietà di crescita. Uno degli autori ha spiegato che la crescita delle sottopopolazioni di cellule tumorali può essere spiegato dalla loro vicinanze alle cellule umane.

I ricercatori hanno clonato e ampliato le sei distinte popolazioni cellulari e le hanno iniettate nei teratomi di cellule staminali umane. Un'osservazione fondamentale è che alcune cellule, che negli altri modelli non si presentavano come auto-replicanti , all’interno del teratoma hanno assunto la capacità replicativa, proprio in quanto esposte a cellule umane.
I ricercatori non conoscono ancora le singole cause scatenanti la proliferazione tumorale, e il team  sta ora lavorando per isolare i fattori che promuovono la plasticità e la capacità di replicazione. Questi studi in futuro potrebbero permettere ai medici di gestire il cancro come una malattia cronica: invece di una terapia contro l’intero tumore i ricercatori potrebbero sviluppare un metodo per eludere i meccanismi di proliferazione delle singole linee cellulari di un particolare tumore, attaccando proprio quel preciso meccanismo.

Il passo successivo sarà identificare e sviluppare delle modalità per bloccare il fattore (o i fattori) che innescano la proprietà di autorigenerazione del tumore, rendendo monitorabili i tumori stessi.

 



GUIDA alle ESENZIONI per le MALATTIE RARE

Malattie rare, GUIDA alle esenzioni

Con l'entrata in vigore dei nuovi LEA (15 settembre 2017) è stato aggiornato l’elenco delle malattie rare esentabili.

OMaR (Osservatorio Malattie Rare), in collaborazione con Orphanet-Italia, ha realizzato una vera e propria Guida alle nuove esenzioni, con l'elenco ragionato dei nuovi codici, la lista completa di tutte le patologie esenti, le indicazioni su come ottenere l’esenzione e molto altro.

Clicca QUI per scaricare gratuitamente la Guida.

 


News



© Osservatorio Malattie Rare 2015 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Testata giornalistica iscritta al ROC, n.20188, ai sensi dell'art.16 L.62/2001 | Testata registrata presso il Tribunale di Roma - 296/2011 - 4 Ottobre
Direttore Responsabile: Ilaria Ciancaleoni Bartoli - Via Varese, 46 - 00185 Roma | P.iva 02991370541


Website by Digitest | Hosting ServerPlan



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni