Ricerca

La società di biotecnologie, con sede a Milano, sta elaborando una tecnologia innovativa non-virale per la somministrazione di farmaci 

Milano - Sofinnova Partners, una delle principali società europee di venture capital nel settore delle scienze della vita con sede a Parigi, Londra e Milano, ha annunciato un investimento seed di 3,5 milioni di euro in NanoPhoria, una società biotecnologica, con sede a Milano, che sta sviluppando una piattaforma versatile e non virale basata su nanoparticelle inorganiche per la somministrazione di farmaci.

L'investimento è stato effettuato attraverso il Fondo Sofinnova Telethon, che è il fondo early-stage di Sofinnova Partners dedicato principalmente alle malattie rare e genetiche, ed è il più grande fondo interamente dedicato alle biotecnologie in Italia.

Il prodotto di punta che NanoPhoria sta sviluppando è un trattamento per l'insufficienza cardiaca con frazione di eiezione ridotta (HFrEF), una sindrome cronica che colpisce milioni di persone in tutto il mondo.  

Nanophoria è stata co-fondata dal Dr. Daniele Catalucci, Dirigente di Ricerca presso l'Istituto di Ricerca Genetica e Biomedica (IRGB) del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR); dal Dr. Michele Iafisco, Primo Ricercatore  presso l'Istituto di Scienza e Tecnologia dei Materiali Ceramici (ISTEC) del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR); dal Dr. Alessio Alogna, cardiologo e scienziato clinico presso la Charité Universitätsmedizin Berlin; e dal CEO, Claudio De Luca, un manager con oltre 25 anni di esperienza in posizioni di leadership nei settori medtech e biotech.

"NanoPhoria sta sviluppando una tecnologia non virale all'avanguardia per la somministrazione di farmaci innovativi, mirati alla salute del cuore, e può contare su un team di quattro co-fondatori le cui competenze sono complementari e le cui esperienze sono consolidate nei settori scientifico, medico e industriale", ha detto Lucia Faccio, Partner del Fondo Sofinnova Telethon. "I quattro co-fondatori sono attivamente coinvolti nella gestione dell'azienda".

L'azienda, la cui piattaforma terapeutica è versatile e consente il targeting selettivo a livello di organo e/o di cellule, è stata ufficialmente riconosciuta come spin-off del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR), il più grande ente pubblico di ricerca in Italia, con competenze multidisciplinari. 

"Siamo lieti di avere il supporto di Sofinnova Telethon Fund per continuare a consolidare la nostra piattaforma non virale per la somministrazione di farmaci e facilitare così l’avanzamento dello sviluppo del nostro primo prodotto verso la clinica", ha detto Claudio De Luca, CEO e co-fondatore di NanoPhoria. "La nostra collaborazione si è già dimostrata molto positiva. Il supporto di Sofinnova contribuirà fortemente all'accelerazione dei nostri programmi di sviluppo e ci aiuterà a sviluppare terapie efficaci in aree in cui vi è un significativo bisogno terapeutico."

Sportello legale OMaR

Speciale Testo Unico Malattie Rare

Malattie rare e coronavirus - L'esperto risponde

Speciale Vaccino Covid-19

7 Giorni Sanità

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Seguici sui Social

Nico è così

"Nico è così" - Un romanzo che dà voce ai giovani con emofilia

Partner Scientifici

Media Partner



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni