Italian English French Spanish

Parigi (FRANCIA) e Tarrytown (USA) - Sanofi e Regeneron Pharmaceuticals hanno annunciato che la Food and Drug Administration (FDA) statunitense ha ufficialmente autorizzato l'impiego del farmaco sarilumab (Kevzara®) per il trattamento di pazienti adulti affetti da artrite reumatoide (RA) moderata o grave che hanno manifestato precedente intolleranza o risposta inadeguata a una o più 'terapie antireumatiche modificanti la malattia' (DMARD), come il metotressato (MTX).

L'artrite reumatoide (RA) è una malattia cronica in cui il sistema immunitario attacca e danneggia i tessuti delle articolazioni, causando infiammazione, dolore e, nei casi più gravi, disabilità. La RA colpisce circa 1,3 milioni di americani, e quasi il 75% dei pazienti è di sesso femminile. In genere, la patologia insorge tra i 30 e i 60 anni.

Sarilumab è un anticorpo monoclonale umano diretto contro il 'recettore dell'interleuchina-6' (IL-6R). L'interleuchina-6 (IL-6) è una citochina che, se presente in quantità eccessiva nell'organismo, può contribuire al processo infiammatorio associato alla RA.

L'approvazione di sarilumab è basata sui risultati ottenuti dal farmaco in circa 2.900 adulti con RA moderata o grave che hanno mostrato una risposta inadeguata ai precedenti trattamenti. In due studi clinici di Fase III, denominati TARGET e MOBILITY, sarilumab ha dimostrato miglioramenti statisticamente e clinicamente significativi nei pazienti con RA. Nel trial MOBILITY, il trattamento con sarilumab e MTX ha ridotto segni e sintomi della malattia, ha migliorato la funzionalità fisica dei pazienti e ha determinato una progressione radiografica dei danni strutturali significativamente inferiore, rispetto a placebo più MTX. Nel trial TARGET, la terapia con sarilumab e DMARD ha ridotto segni e sintomi della malattia e ha migliorato la funzionalità fisica dei pazienti, rispetto a placebo più DMARD.

Sarilumab può essere usato in monoterapia o in combinazione con MTX o con altri DMARD. Il farmaco si somministra tramite iniezione sottocutanea, che può essere eseguita anche dal paziente stesso. Il dosaggio raccomandato è di 200 mg una volta ogni due settimane, ma, se necessario, può essere ridotto a 150 mg una volta ogni due settimane, per aiutare a gestire eventuali problemi di neutropenia, trombocitopenia o innalzamento dei livelli degli enzimi epatici.

I pazienti trattati con sarilumab sono a rischio di sviluppo di gravi infezioni, che possono portare anche a ospedalizzazione o morte. Le reazioni avverse più comuni associate al farmaco, riscontrate nei vari studi clinici e verificatesi in almeno il 3% dei pazienti sottoposti a terapia combinata con sarilumab e DMARD, sono state neutropenia (7-10%), alti livelli di alanina aminotransferasi (5%), eritema nel sito di iniezione (4-5%), infezioni delle vie aeree superiori (3-4%) e infezioni delle vie urinarie (3%).

Nello scorso mese di aprile, il Comitato per i Medicinali per Uso Umano (CHMP) dell'Agenzia Europea per i Medicinali (EMA) ha espresso parere positivo in merito all'approvazione di sarilumab per il trattamento di pazienti adulti con RA moderata o grave. La decisione definitiva spetta ora alla Commissione Europea (CE), che dovrebbe pronunciarsi sulla questione nell'arco dei prossimi mesi.

Per ulteriori informazioni è possibile consultare il comunicato stampa aziendale.

Articoli correlati



GUIDA alle ESENZIONI per le MALATTIE RARE

GUIDA alle esenzioni per malattie rare

Con l'entrata in vigore dei nuovi LEA (15 settembre 2017) è stato aggiornato l’elenco delle malattie rare esentabili.

OMaR (Osservatorio Malattie Rare), in collaborazione con Orphanet-Italia, ha realizzato una vera e propria Guida alle nuove esenzioni, con l'elenco ragionato dei nuovi codici, la lista completa di tutte le patologie esenti, le indicazioni su come ottenere l’esenzione e molto altro.

Clicca QUI per scaricare gratuitamente la Guida.

 


News



© Osservatorio Malattie Rare 2015 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Testata giornalistica iscritta al ROC, n.20188, ai sensi dell'art.16 L.62/2001 | Testata registrata presso il Tribunale di Roma - 296/2011 - 4 Ottobre
Direttore Responsabile: Ilaria Ciancaleoni Bartoli - Via Amedeo Cencelli, 59 - 00177 Roma | Piva 02991370541


Website by Digitest | Hosting ServerPlan





PC | Unknown | Unknown | ?

Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni