Ricerca scientifica
Tiroide: se va “in tilt” cambia pure la grafia
Autore: Redazione,  18 Apr 2014   

I risultati di uno studio di endocrinologi dell’Università Cattolica Policlinico A. Gemelli su pazienti colpiti da uno squilibrio degli ormoni tiroidei mostrano che l’eccesso di questi ormoni nel sangue provoca e si riconosce anche grazie a modifiche sostanziali della scrittura del paziente.

La grafia di una persona può essere influenzata anche dalla tiroide: ricercatori dell’Università Cattolica – Policlinico A. Gemelli di Roma hanno infatti scoperto che uno squilibrio degli ormoni tiroidei provoca dei cambiamenti nel modo di scrivere del paziente, in particolare che l'ipertiroidismo, ovvero l'eccesso di ormoni tiroidei nel sangue, causa significative variazioni grafiche. La scoperta è frutto di uno studio clinico supervisionato dal professor Alfredo Pontecorvi, direttore della Unità Operativa di Endocrinologia dell'Università Cattolica-Policlinico A. Gemelli di Roma e coordinato dai professori Giampaolo Papi e Salvatore Maria Corsello, in  collaborazione con il professor Lazslo Hegedus, Presidente della Società Danese di Endocrinologia e con l'avvocato Cristina Botti, perito grafologo e Segretaria dell'Associazione Grafologica Italiana (AGI).

Leggi tutto...
 
Sindrome di Down: si studia in Italia un nuovo test che permette di avere la diagnosi già al II mese di gravidanza
Autore: Redazione,  17 Apr 2014   

La Celocentesi, messa a punto sulla talassemia grazie alla Fondazione Cutino al Campus di Ematologia di Palermo, eviterebbe il trauma maggiore dell’aborto terapeutico e apre a strada alla  terapia in utero

Grazie all’eccellenza scientifica palermitana potrebbe a breve essere possibile diagnosticare la sindrome di Down già dal II mese di gravidanza utilizzando una nuova tecnica chiamata celocentesi. Questa innovativa procedura di diagnosi prenatale è stata sviluppata dalla Fondazione Cutino con la collaborazione dell’Ematologia II diretta da Aurelio Maggio presso il Campus di Ematologia “Franco e Piera Cutino” all’ospedale “Cervello” di Palermo, che l’ha prima messa a punto – con ottimi risultati - su una malattia rara, la Talassemia. Ora, grazie al progetto ‘Sistema di purificazione di cellule fetali per indagini prenatali precoci’ finanziato dall’Assessorato alle attività produttive, la Fondazione Cutino in partnership con altri Enti nazionali, sta oggi portando avanti degli studi per applicarla anche nella diagnosi di patologie cromosomiche, come la Sindrome di Down.

Leggi tutto...
 
Malattia di Hailey-Hailey: la patologia risponde al trattamento con talidomide
Autore: Alessia Ciancaleoni Bartoli,  16 Apr 2014   

Secondo un articolo pubblicato su India Journal of Dermatology il Pemfigo benigno cronico familiare, conosciuto anche come malattia di Hailey-Hailey (HHD), risponderebbe al trattamento con il farmaco talidomide.
Il Pemfigo benigno cronico familiare è una rara malattia autosomica dominante, caratterizzata dallo sviluppo di vesciche ricorrenti ed erosioni a carico, per lo più, delle aree localizzate nelle pieghe dei gomiti, nell'inguine e nella regione perineale (scroto, vulva). La prevalenza non è nota. Le lesioni cutanee compaiono durante l'adolescenza o, più spesso, all'età di 30-40 anni e hanno carattere recidivo e ricorrente.

Leggi tutto...
 
Miastenia grave giovanile: plasmaferesi e immunoglobuline mostrano alti tassi di risposta nei pazienti
Autore: Redazione,  01 Apr 2014   

I risultati di uno studio condotto dai ricercatori di Harvard e pubblicati sulla rivista specializzata JAMA Neurology dimostrerebbero che l'impiego di plasmaferesi (PLEX) e la somministrazione endovenosa di immunoglobuline (IVIG), nella terapia di mantenimento dei pazienti affetti da miastenia grave (MG) giovanile, hanno alti tassi di risposta.
Sembrerebbe, inoltre, che la PLEX sia in grado di offrire tassi di risposta più costanti rispetto all’IVIG.

Leggi tutto...
 
Papillomavirus umano: conferme per la vaccinazione anti-HPV
Autore: Redazione,  28 Mar 2014   

Sono stati pubblicati sul giornale on line "Bristish Medical Journal" i dati che confermerebbero l'efficacia, anche a lungo termine, della vaccinazione contro il Papillomavirus umano (HPV). Secondo quanto riportato, il vaccino avrebbe ridotto le probabilità di sviluppare lesioni del collo dell'utero del 35-45% nelle giovani donne, stando ai risultati aggiornati del primo programma di vaccinazione contro l'HPV su scala nazionale del mondo, implementato in Australia sulle adolescenti e le ragazze di età compresa tra i 12 e i 26 anni.

Leggi tutto...
 
Malattie immunologiche, al S.Raffaele scoperta la causa dell'Istiocitosi di Erdheim-Chester
Autore: Redazione,  17 Apr 2014   

Milano – Medici e ricercatori dell’IRCCS Ospedale San Raffaele di Milano scoprono la causa della malattia di Erdheim-Chester,  una forma molto rara di istiocitosi, ovvero una patologia nella quale alcune cellule del sistema immunitario (gli istiociti) invadono i diversi tessuti dell’organismo danneggiandoli e provocando, a seconda dell’organo colpito, sintomi differenti, quali dolori ossei, danni ai reni o al cuore, problemi al sistema nervoso centrale.
Lo studio, coordinato dal professor Lorenzo Dagna, coordinatore d'Area per l'Immunologia Clinica dell'IRCCS Ospedale San Raffaele, e condotto in collaborazione con l’Unità di Anatomia Patologica, diretta dal professor Claudio Doglioni, è stato anticipato online sugli Annals of the Rheumatic Diseases, la più prestigiosa rivista di immunologia clinica/reumatologia.

Leggi tutto...
 
Psoriasi a placche: significativi miglioramenti clinici grazie a un nuovo farmaco
Autore: Redazione,  04 Apr 2014   

Durante il 72° meeting annuale della American Academy of Dermatology (AAD) di Denver (Colorado) la società farmaceutica Celgene Corporation ha reso noti i risultati degli studi clinici di fase III ESTEEM 1 e 2 condotti sul farmaco orale di sua produzione OTEZLA® (apremilast), inibitore selettivo dell'enzima fosfodiesterasi 4 (PDE4).
Tale farmaco è rivolto a pazienti affetti da psoriasi a placche in forma da moderata a grave e sembrerebbe aver prodotto un miglioramento della sintomatologia a livello di scalpo, unghie e pelle.

Leggi tutto...
 
Displasia Ectodermica: a Milano il primo centro di riferimento per la sperimentazione di EDI200, la proteina che può sconfiggere la malattia
Autore: Redazione,  29 Mar 2014   

Sarà a Milano presso l’Ospedale Sacco, nel Reparto di Pediatria dell’Università diretto dal Professor Gian Vincenzo Zuccotti, il primo centro di ricerca e sperimentazione di EDI200, la proteina che consente di sconfiggere la Displasia Ectodermica (DE), una rara malattia genetica che ha come sintomo più grave l’assenza totale o parziale dei denti sin dalla nascita.
La sperimentazione italiana sarà avviata in collaborazione con i medici della Fondazione ANDI onlus, con l’Istituto Galeazzi di Milano e l’Ospedale Pediatrico Burlo di Trieste che, insieme al Sacco, rappresentano i centri di riferimento per lo screening diagnostico e la cura dei pazienti affetti da DE.

Leggi tutto...
 
Disturbi del sonno e apnee notturne aumentano il rischio cardiovascolare
Autore: Redazione,  21 Mar 2014   

Diagnosi e prevenzione: la parola al Dott. Alberto Braghiroli



 


Pagina 1 di 64

Video storia


"Non riesco più a sorridere, ma vorrei continuare a farlo". La nuova campagna AISLA dedicata alla Sclerosi Laterale Amiotrofica

Orphanet-Newsletter

OrphaNews Europe, il bollettino quindicinale del Comitato dell’Unione Europea di Esperti in Malattie Rare (EUCERD), è ora anche in Italiano, grazie all’impegno di Orphanet Italia, al supporto di Genzyme Italia e alla collaborazione di MediArt promotion. Qui maggiori informazioni.

Segui O.Ma.R anche su

Blog Malattie Rare

Telemeditalia



Informazioni Mediche

Tutte le informazioni presenti nel sito non sostituiscono in alcun modo il giudizio di un medico specialista, l'unico autorizzato ad effettuare una consulenza e ad esprimere un parere medico.

Condividi

Facebook Digg Delicious Stumbleupon Google Bookmarks RSS Feed 

Seguici su...

Seguici su Facebook Facebook