Mieloma Multiplo

Il Mieloma Multiplo (MM) è un tumore del midollo osseo, più frequente negli uomini che nelle donne, che si presenta nella larga maggioranza dei casi dopo i 60 anni. La malattia è causata dal danneggiamento del DNA di alcune plasmacellule, cellule immunitarie che hanno la funzione di produrre anticorpi e difenderci dalle infezioni. Le cellule del mieloma sono caratterizzate dalla produzione in eccesso di un anticorpo, noto come paraproteina o Componente M, che viene rilevato nel siero del paziente e facilita la diagnosi. Inoltre, viene prodotta anche una grande quantità di citochine, segnali dell’infiammazione, che possono interferire con la formazione delle altre cellule del sangue o con la sintesi di osteoclasti, le cellule dell’osso, innescando fragilità e fratture ossee tipiche di questa forma tumorale.

Per ulteriori approfondimenti clicca qui

 



Mieloma multiplo: i vantaggi della terapia continua
Autore: Francesco Fuggetta,  15 Ott 2014   

Negli ultimi dieci anni abbiamo assistito ad importanti cambiamenti nel trattamento del mieloma multiplo. L'editoriale del New England Journal of Medicine, a firma di David Avigan e Jacalyn Rosenblatt, fa il punto della situazione, citando i due studi più recenti sulla malattia pubblicati nell’ultimo numero del giornale. "Questi due articoli – scrivono Avigan e Rosenblatt – migliorano considerevolmente la nostra comprensione della terapia per il mieloma e dei metodi per integrare al meglio i nuovi agenti per il trattamento della malattia". Ed entrambe le ricerche concordano nel ritenere preferibile la terapia continua.

Leggi tutto...
 
Mieloma multiplo: la combinazione carfilzomib-desametasone è sicura ed efficace
Autore: Redazione,  24 Set 2014   

Secondo i risultati dello studio multicentrico CHAMPION-1, presentati al congresso ASCO di Chicago, i pazienti affetti da mieloma multiplo recidivato o refrattario ai trattamentigodono di una significativa attività antitumorale se trattati, una volta alla settimana, con la combinazione carfilzomib (inibitore del proteasoma)- desametasone. Il trattamento è risultato sicuro.

Leggi tutto...
 
Mieloma multiplo, trattamento con bortezomib: meglio per via sottocutanea
Autore: Francesco Fuggetta,  17 Set 2014   

ROMA – A parità di efficacia fra somministrazione endovenosa e sottocutanea di bortezomib, quest’ultima è preferita dai pazienti con mieloma multiplo. Questa è la conclusione cui sono giunte le dottoresse Maria Teresa Petrucci, Paola Finsinger, Marta Chisini e Fabiana Gentilini del Dipartimento di Biotecnologie Cellulari ed Ematologia dell’Università “La Sapienza” di Roma. Per valutare l’effetto positivo sulla qualità di vita dei pazienti, le studiose hanno analizzato, in un articolo pubblicato sul giornale Patient Preference and Adherence i dati disponibili fino ad oggi, concernenti diverse strategie utilizzate per migliorare la tollerabilità del farmaco.

Leggi tutto...
 
Mieloma multiplo: l'impatto di anomalie cromosomiche, immunofenotipo e nuove terapie sulla sopravvivenza
Autore: Valentina Murelli,  16 Set 2014   

TORINO - Come per molte altre malattie, anche per il mieloma multiplo, tumore del midollo osseo che colpisce un tipo particolare di cellule del sistema immunitario (plasmacellule), uno degli obiettivi della ricerca è la terapia personalizzata. Al momento, il protocollo clinico viene scelto sulla base di alcuni parametri generali, come l'età del paziente e lo stadio della malattia, ma si sta lavorando per identificare altri fattori che permettano di indirizzare meglio la gestione dei pazienti, sulla base delle loro caratteristiche genetiche o immunitarie. Vanno in questa direzione i risultati di uno studio pubblicato su Hametologica da un gruppo di ricerca italiano coordinato da Paola Omedé, del laboratorio di citofluorimetria della Città della salute e della scienza di Torino: uno studio relativo all'impatto di alcune anomalie cromosomiche e dell'immunofenotipo sulla sopravvivenza di pazienti trattati con regimi terapeutici differenti.

Leggi tutto...
 
Mieloma multiplo: la sopravvivenza raddoppia se il trapianto viene eseguito alla diagnosi
Autore: Francesco Fuggetta,  15 Set 2014   

Risultati incoraggianti anche dalla sperimentazione di un nuovo trattamento che combina lenalidomide e desametasone. Il commento del Prof. Antonio Palumbo, ematologo delle “Molinette” di Torino e coordinatore del progetto

TORINO – Nuove speranze per i pazienti affetti da mieloma multiplo. La novità più importante è per chi si sottopone a trapianto subito dopo la diagnosi: in questo caso la sopravvivenza raddoppia. Una scoperta strettamente collegata alla terapia farmacologica: un secondo studio rivela infatti che una combinazione di lenalidomide e desametasone si è dimostrata più efficace rispetto alla terapia standard.
In entrambi i casi è stato determinante il contributo del Prof. Antonio Palumbo, della Divisione di Ematologia dell’ospedale 'Molinette' di Torino. I due studi sono stati pubblicati il 4 settembre sul New England Journal of Medicine, la più prestigiosa rivista scientifica al mondo. "Il mieloma multiplo – spiega il Prof. Palumbo – è un tumore del midollo osseo che colpisce in particolar modo gli anziani: l’età media alla diagnosi è di 70 anni. In Italia, a causa dell’invecchiamento della popolazione, l’incidenza è arrivata a 10 casi su 100.000".

Leggi tutto...
 


Pagina 1 di 10

Video storia


Firma anche tu la Prima Carta Europea del Paziente IPF! www.ipfcharter.org

Orphanet-Newsletter

OrphaNews Europe, il bollettino quindicinale del Comitato dell’Unione Europea di Esperti in Malattie Rare (EUCERD), è ora anche in Italiano, grazie all’impegno di Orphanet Italia, al supporto di Genzyme Italia e alla collaborazione di MediArt promotion. Qui maggiori informazioni.

Segui O.Ma.R anche su

Blog Malattie Rare

Telemeditalia



Informazioni Mediche

Tutte le informazioni presenti nel sito non sostituiscono in alcun modo il giudizio di un medico specialista, l'unico autorizzato ad effettuare una consulenza e ad esprimere un parere medico.

Condividi

Facebook Digg Delicious Stumbleupon Google Bookmarks RSS Feed 

Seguici su...

Seguici su Facebook Facebook