Italian English French Spanish

Ultimi Tweets

Mesotelioma

Milano – MolMed S.p.A. ha annunciato che l’Agenzia Europea per i Medicinali (EMA) ha validato il deposito della domanda ufficiale di approvazione condizionata (CMA, Conditional Marketing Authorisation) del farmaco sperimentale NGR-hTNF, candidato per il trattamento di pazienti adulti affetti mesotelioma pleurico maligno e in stato di progressione della malattia entro sei mesi dal termine della terapia di prima linea. In seguito alla decisione dell'EMA è stato dato il via al processo di valutazione del dossier registrativo di NGR-hTNF.

Milano – MolMed S.p.A. (MLM.MI) ha comunicato di aver depositato presso l’Agenzia Europea dei Medicinali (EMA) la domanda di immissione condizionata in commercio attraverso la procedura di Conditional Marketing Authorisation (CMA) per NGR-hTNF, il proprio farmaco antitumorale sperimentale, per il trattamento di pazienti adulti affetti da mesotelioma pleurico maligno in stadio avanzato, che hanno subito una progressione del tumore entro sei mesi dal termine della terapia di prima linea a base di pemetrexed.

Sebbene sia stato bandito in Italia nel 1992, l'amianto continua a mietere vittime, e non solo fra la popolazione direttamente esposta alla contaminazione. Della questione si è parlato durante la terza giornata della Conferenza Internazionale di Epidemiologia Ambientale (ISEE), giunta alla sua 28° edizione. Dal 1993 al 2011, non solo abbiamo sempre più casi di mesotelioma, ma addirittura il 10,5% di questi ha riguardato i cosiddetti 'non occupational cases', cioè i familiari dei lavoratori e le persone sottoposte a contaminazione da amianto prolungata e accidentale. Questi dati non devono stupire, dal momento che, prima del 1992, l'Italia era il secondo Paese in Europa fra i produttori di amianto.

USA – 'JAVELIN Solid Tumors' è il nome di uno studio clinico di Fase I in via di svolgimento per valutare la sicurezza e la tollerabilità del farmaco avelumab in diverse tipologie di tumori solidi. Nel corso del meeting annuale dell'American Society of Clinical Oncology (ASCO), tenutosi a Chicago dal 3 al 7 giugno di quest'anno, sono stati presentati i promettenti dati preliminari ricavati da questo studio, compresi quelli relativi alla coorte di pazienti affetti da mesotelioma maligno, una forma di cancro che origina dalle cellule mesoteliali ed è soprattutto associata all'esposizione all'amianto.

E’ stato presentato in Gran Bretagna, al congresso mondiale sul mesotelioma che si è appena concluso a Birmingham, il primo studio al mondo disegnato e attivato in Italia, il NIBIT MESO-1, che utilizza due farmaci immunoterapici che agiscono su fasi distinte dell'attivazione della risposta immunitaria per combattere il tumore. La sperimentazione è stata presentata da Luana Calabrò, immuno-oncologa dell’équipe dell’UOC Immunoterapia Oncologica, del policlinico Santa Maria alle Scotte di Siena, diretta dal dottor Michele Maio.

GERMANIA - Boehringer Ingelheim ha annunciato che un primo paziente è già stato arruolato nello studio clinico di Fase III denominato LUME-Meso, in cui il farmaco nintedanib sarà valutato come trattamento di prima linea per individui affetti da mesotelioma pleurico maligno (MPM) non operabile. Nella sperimentazione, nintedanib sarà inizialmente somministrato in combinazione con pemetrexed/cisplatino e, in un secondo momento, verrà impiegato in regime di monoterapia.

Studio svedese mette in correlazione la malattia con la presenza di familiari malati di cancro ai reni e alla vescica

Il mesotelioma potrebbe non essere connesso alla sola esposizione all'amianto e alle sue polveri. Il tumore che nasce dalle cellule del mesotelio delle persone entrate in contatto con questo materiale usato per anni come isolante o materiale ignifugo può avere origine in quattro zone del corpo: nel torace, nell'addome e, molto raramente, nella cavità attorno al cuore e nella membrana che riveste i testicoli. Dal mesotelio possono avere origine anche tumori benigni – tumori adenomatoidi, mesotelioma cistico benigno e altri – che in genere vengono rimossi chirurgicamente e non richiedono ulteriori trattamenti.



News



© Osservatorio Malattie Rare 2015 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Testata giornalistica iscritta al ROC, n.20188, ai sensi dell'art.16 L.62/2001 | Testata registrata presso il Tribunale di Roma - 296/2011 - 4 Ottobre
Direttore Responsabile: Ilaria Ciancaleoni Bartoli - Via Amedeo Cencelli, 59 - 00177 Roma | Piva 02991370541


Website by Digitest | Hosting ServerPlan





Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni