Italian English French Spanish

Ultimi Tweets

vivosunamela
vivosunamela Ora smetto di twittare su #Pieroangela e seguo il #Premiogalileo2016 , prometto!!! #scicomm d'eccezione. #Padova pic.twitter.com/183z3mhpDq
About 9 hours ago.
vivosunamela
vivosunamela Ringrazia e promuove il @cicap . Io sono troppo felice di ascoltarlo! @GalileoFest pic.twitter.com/vgBW9714jg
About 10 hours ago.
vivosunamela
vivosunamela Sempre brillante Piero Angela! Spiega l' importanza dell' informazione scientifica corretta. Super! @GalileoFest pic.twitter.com/GyCNJQZjg6
About 10 hours ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare #Diabete tipo 2, nuove potenzialità terapeutiche dalla scoperta di un nuovo ormone bit.ly/1q33pyU
About 14 hours ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare #Acromegalia : a #Napoli il summit internazionale degli esperti bit.ly/1SRmr6X #malattierare
About 14 hours ago.

Malattia di Parkinson

La malattia di Parkinson, scoperta agli inizi del 1800 da James Parkinson, venne chiamata per oltre un secolo “paralisi agitante” e anche “morbo di Parkinson”. Colpisce in modo indistinto i due sessi e può esordire a qualsiasi età, anche se, in prevalenza, i sintomi si riscontrano in pazienti sopra i 60 anni, raramente in pazienti sopra i 40 e in casi rarissimi in persone più giovani. Si tratta di un disturbo che colpisce il sistema nervoso centrale; il sintomo generalmente più evidente è il tremore, ma non basta questo per stabilire la diagnosi. Altri sintomi possono essere rigidità, lentezza nei movimenti, debolezza, problemi di equilibrio e postura ricurva. Per approfondimenti clicca qui.

USA - Amarantus ha annunciato di aver ricevuto, da parte del Patent and Trademark Office degli Stati Uniti (USPTO), il permesso ufficiale (NOA, Notice of Allowance) di brevettare l'impiego combinato dei farmaci agonisti dei recettori 5HT1A e 5HT1B, compreso il composto eltoprazina, per il trattamento della discinesia indotta da levodopa associata a malattia di Parkinson (PD-LID). Nel caso specifico di eltoprazina, il rilascio del brevetto garantirà la protezione dei diritti di proprietà intellettuale di Amarantus fino al 2027.

USA – In uno studio preclinico recentemente condotto dagli scienziati dello University of Nebraska Medical Center (UNMC), il farmaco sperimentale LBT-3627, sviluppato da Longevity Biotech, ha dimostrato di avere un effetto di neuroprotezione in un modello murino della malattia di Parkinson (PD). I risultati di questo studio sono stati pubblicati sul Journal of Neuroscience e sembrano evidenziare come LBT-3627 sia in grado di modulare la risposta immunitaria per fare in modo di prevenire il processo di deterioramento dei neuroni dopaminergici che è all'origine della patologia.

I risultati di uno studio clinico recentemente pubblicato sulla rivista Parkinson's Disease, sembrano rivelare che la somministrazione notturna di rotigotina, effettuata mediante cerotto transdermico, sia efficace per il controllo dei problemi del sonno nei pazienti affetti da malattia di Parkinson (PD).

È partita la campagna Facebook di sensibilizzazione per “modificare la percezione della Malattia di Parkinson” che “è sbagliata e causa una sottovalutazione della gravità sociale del fenomeno” come sostiene Parkinson Italia ONLUS, la confederazione delle associazioni di volontariato che si occupano delle persone con Parkinson e delle loro famiglie.
Una campagna molto provocatoria che vede come “testimone” una bambina di pochi anni che afferma “Anche io ho il Parkinson” perché la malattia neurodegenerativa colpisce nella qualità di vita anche le famiglie, i partner e i bambini, non solamente i pazienti.

Roma – Colpisce circa il 3 per mille della popolazione, incidenza che sale all’1 percento nelle persone con più di 65 anni. In Italia le persone che vivono con il Parkinson sono circa 250mila, un numero che l’Organizzazione Mondiale della Sanità ritiene raddoppierà entro il 2040, principalmente a causa del progressivo aumento dell’età media della popolazione. Come tutte le patologie neurodegenerative fa paura ed evoca lo spettro della disabilità e della perdita di autonomia. Nonostante le terapie farmacologiche siano efficace per un ampio range di situazioni, in molti pazienti residua un ampio range di sintomi motori in cui il tremore degli arti a riposo è il più noto ma non il più importante.

A Bologna nasce un percorso diagnostico terapeutico assistenziale dedicato alle persone con malattia di Parkinson e sarà il primo (e per ora unico) in Italia a garantire, accanto ad una presa in carico sanitaria multidisciplinare completa, un’offerta di interventi non strettamente sanitari.

Un team di ricercatori del Georgetown University Medical Center (Washington, USA) ha riportato un miglioramento della cognizione e delle capacità motorie in un piccolo gruppo di pazienti a cui è stato somministrato il farmaco nilotinib per il trattamento di due malattie neurodegenerative molto simili, il morbo di Parkinson (PD) associato a demenza e la cosiddetta 'demenza con corpi di Lewy' (DLB). Nilotinib (nome commerciale Tasigna) è un composto sviluppato da Novartis attualmente approvato come terapia di seconda linea per la leucemia mieloide cronica (CML). I risultati della sperimentazione sono stati presentati durante il meeting annuale della Society for Neuroscience, tenutosi a Chicago dal 17 al 21 ottobre di quest'anno.



PARTNER SCIENTIFICI

Orphanet

Magi - Non-profit Human Medical Genetics Institute

Centre for Genetic Engineering and Biotechnology

Azienda Ospedaliera Niguarda


News



© Osservatorio Malattie Rare 2015 | info@osservatoriomalattierare.it
Testata giornalistica iscritta al ROC, n.20188, ai sensi dell'art.16 L.62/2001 | Testata registrata presso il Tribunale di Roma - 296/2011 - 4 Ottobre
Direttore Responsabile: Ilaria Ciancaleoni Bartoli - Via Amedeo Cencelli, 59 - 00177 Roma | Piva 02991370541


Website by Digitest | Hosting ServerPlan





Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni