Italian English French Spanish

In evidenza

Al progetto di ricerca il Ministero della Salute ha assegnato 230mila euro

Entro tre anni potrebbe partire in Italia, e in particolare al Centro di Medicina Rigenerativa "Stefano Ferrari" dell'Università degli studi di Modena e Reggio Emilia, una nuova sperimentazione di terapia genica basata sulle cellule staminali per i piccoli malati di Epidermolisi Bollosa (EB), o sindrome dei bambini farfalla, una malattia rara che attualmente riguarda in Italia circa 500 bambini.

La malattia provoca una estrema fragilità della pelle e delle mucose che si lacera o si riempie di siero (che forma delle bolle) per ogni minima frizione o trauma, a partire da quello del parto. Il prof. Michele Di Luca, direttore del Centro, e la sua equipe sono stati ad esempio i primi ad eseguire eseguito con successo il primo trapianto al mondo di pelle geneticamente modificata in un malato di una particolare forma di EB, detta giunzionale. E proprio su questa strada di ricerca il Centro di Modena si prepara a proseguire effettuando uno nuovo  studio sulla terapia genica. Questo anche grazie ai fondi – circa 230mila euro  - che in questi giorni si è visto assegnare dal Ministero della Salute, nell’ambito di un bando presentato nel 2008. Lo sviluppo di una terapia genica definitiva per alcune forme di Epidemiolisi Bollosa, si basa sul trapianto di cute coltivata in laboratorio a partire da cellule staminali geneticamente modificate, già positivamente sperimentato proprio dai ricercatori modenesi.
"Il progetto - ha spiegato Fulvio Mavilio, professore ordinario di Biologia molecolare all'Università degli studi di Modena e Reggio Emilia - prevede il trapianto nelle cellule staminali di una o più copie dei geni mutati nelle forme giunzionali e distrofiche di EB, in particolare quelli per la laminina 5 e per il collagene di tipo 7. I geni vengono inseriti nel genoma delle cellule staminali mediante l'utilizzo di vettori derivati da retrovirus, e in particolare da HIV. Il progetto - ha concluso il ricercatore - mira ad iniziare una sperimentazione clinica su alcuni pazienti nell'arco di tre anni".



Articoli correlati

Angioedema ereditario, conoscerlo per comprenderlo

Angioedema ereditario, i pazienti si raccontano

I pazienti affetti da angioedema raccontano il difficile cammino verso la diagnosi e di conseguenza la corretta terapia.

Angioedema ereditario, quando sospettare la malattia?

Sintomi e terapie dell'angioedema ereditario

La spiegazione della dr.ssa Maria Bova (Centro di Riferimento Campano per la Diagnosi e la Terapia dell'Angioedema Ereditario, Napoli).



PARTNER SCIENTIFICI

Orphanet

Magi - Non-profit Human Medical Genetics Institute

Centre for Genetic Engineering and Biotechnology

Azienda Ospedaliera Niguarda


News



© Osservatorio Malattie Rare 2015 | info@osservatoriomalattierare.it
Testata giornalistica iscritta al ROC, n.20188, ai sensi dell'art.16 L.62/2001 | Testata registrata presso il Tribunale di Roma - 296/2011 - 4 Ottobre
Direttore Responsabile: Ilaria Ciancaleoni Bartoli - Via Amedeo Cencelli, 59 - 00177 Roma | Piva 02991370541


Website by Digitest | Hosting ServerPlan





Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni