Italian English French Spanish

Ultimi Tweets

stefania_collet
stefania_collet Un video bellissimo per capire come si vive con la fibrosi polmonare idiopatica. #DIAMORESPIRO A CHI NON CE L'HA! twitter.com/RespiroNews/status/747739070189735936
About 4 hours ago.
martapdn
martapdn #DIAMORESPIRO Campagna di sensibilizzazione sulla Fibrosi Polmonare Idiopatica youtu.be/kWeQJUBAr7U
About 5 hours ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare Questo è Alessandro. Vive con una malattia che toglie il respiro. La sua vita in 2 min. #DIAMORESPIRO youtu.be/kWeQJUBAr7U
About 6 hours ago.

L'epigallo-catechina-3-gallato (EGCG) è un composto fitochimico ricavato dalla pianta del tè verde. In virtù delle sue proprietà salutari e della sua elevata tollerabilità, la molecola è stata ampiamente valutata come potenziale opzione terapeutica per diversi tipi di patologie. In base a quanto emerso da un nuovo studio preclinico pubblicato sulla rivista Arthritis & Rheumatology, l'EGCG sembra poter essere in grado di combattere i sintomi dell'artrite reumatoide (RA), roniche una malattia che provoca un progressivo danneggiamento dei tessuti articolari.
L'artrite reumatoide consiste in una cronica e dolorosa infiammazione che coinvolge le varie articolazioni del corpo, in maniera particolare quelle di mani e piedi. Sebbene l’eziopatogenesi della RA non sia stata ancora definitivamente compresa, il tipico processo infiammatorio che caratterizza questo disturbo è dovuto ad un'anomala attivazione del sistema immunitario.


Un team di ricercatori della Washington State University (Spokane, USA) ha condotto una serie di test di laboratorio su particolari cellule, denominate 'fibroblasti sinoviali', che sono state estratte da pazienti con artrite reumatoide. I risultati sembrano dimostrare che il composto EGCG possa essere impiegato per un'efficace regolazione terapeutica della proteina TAK1, una molecola che svolge la funzione di agevolare la trasmissione dei segnali che provengono dalle citochine pro-infiammatorie e che causano flogosi e deterioramento del tessuto articolare nel caso della RA.

Questi dati sono stati confermati attraverso una successiva sperimentazione che i ricercatori hanno condotto su un modello di topo con 'artrite indotta da adiuvanti' (AIA). Gli animali hanno ricevuto un trattamento con EGCG della durata di 10 giorni, manifestando una significativa riduzione dei sintomi di gonfiore alle zampe.

Sulla base delle evidenze riscontrate, gli autori dello studio sostengono che l'EGCG dimostri valide proprietà antinfiammatorie e possa rappresentare un potenziale nuovo approccio terapeutico per l'artrite reumatoide, in grado di contrastare in modo mirato i processi molecolari che alimentano la malattia senza interferire con altre importanti funzioni cellulari.



PARTNER SCIENTIFICI

Orphanet

Magi - Non-profit Human Medical Genetics Institute

Centre for Genetic Engineering and Biotechnology

Azienda Ospedaliera Niguarda


News



© Osservatorio Malattie Rare 2015 | info@osservatoriomalattierare.it
Testata giornalistica iscritta al ROC, n.20188, ai sensi dell'art.16 L.62/2001 | Testata registrata presso il Tribunale di Roma - 296/2011 - 4 Ottobre
Direttore Responsabile: Ilaria Ciancaleoni Bartoli - Via Amedeo Cencelli, 59 - 00177 Roma | Piva 02991370541


Website by Digitest | Hosting ServerPlan





Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni